It's Your Turn - Seth Godin

It’s Your Turn: l’ultimo libro di Seth Godin

Scritto da Giorgio Minguzzi il 7 agosto 2015

Ho finito di leggere un libro molto interessante scritto da Seth Godin. Il libro è uscito a dicembre 2014 ma è un testo che non finirà mai di essere attuale. Per chi non lo sapesse Seth Godin, è uno scrittore e imprenditore statunitense che viene considerato un guru del marketing a livello planetario.

Il libro si intitola “What to do when it’s your turn, and it is always your turn” ed è tutto a colori; oltre 150 pagine. Sembra un magazine. Non ha nemmeno un filo di pubblicità al suo interno. Erano due anni che Seth Goding non usciva con un nuovo libro e questo in effetti è una grandissima novità.

Seth Godin

Seth Godin

A dire il vero questo più che un libro, è un vero e proprio progetto editoriale. Questa pubblicazione infatti è disponibile al momento solo di carta. Non sono stati previsti eBook all’inizio del lancio. Magari verranno aggiunti altri formati in seguito ma al momento questi non sono previsti.

Certo c’è da dire che il libro non si presta molto ad essere ascoltato come un audiobook. È pieno di frasi ad effetto e citazioni. Se dovessi sentirne la lettura, non so se riuscirei a seguire il filo logico del discorso.
Ma quello che in realtà salta gli occhi immediatamente è che il libro viene venduto in copie multiple.

The Domino Project

The Domino ProjectQuesto è un aspetto importante. Seth Godin, con alcuni partner tra cui Amazon ha deciso di lanciare una casa editrice chiamata “progetto domino“. Avete presente i mattoncini che poi cadono uno dietro l’altro? Ecco: “The Domino Project”.

Questo progetto vuole far si che arrivino nelle mani dei lettori fisicamente i libri che loro stessi vogliono leggere. The DOMINO PROJECT ha obbiettivi davvero ambiziosi.
Vuole diffondere idee di qualità straordinaria, create e diffuse senza rispettare gli le procedure dell’’editoria, né i tradizionali negozi di libri.

Il Domino Project vuole diffondere idee che entusiasmino, contenuti persuasivi e importanti. Seth Godin afferma: “niente filler, niente riempitivi” (niente fuffa!).

Sono in cerca di idee che aiutino i lettori e non di lettori per le idee degli autori. Insomma si ritorna ai bisogni del lettore, non si parte più da cosa può andare di moda o a cosa può tornar comodo all’editore.
Parola d’ordine in tutto questo è la virilità delle idee. Virality first!
Questo progetto rifiuta le idee che hanno bisogno di essere vendute. Non le vogliono! Si crea contenuto che funzioni con il passaparola e lo si prepara affinché sia quest’ultimo sia facilitato.

The Domino Project pubblica libri che consentono al lettore di avere una sorta di ricompensa per la sua partecipazione, il lettore si sente parte del progetto. Non spettatore ma protagonista che per primo sostiene le idee con i fatti.

The Domino Project non ha così alcun rispetto per i processi tradizionali dell’editoria. Non è interessato alla classifica dei libri più letti, non vuole creare dei best-seller nel senso tradizionale. Lo scopo è quello di essere veloci a cambiare la vita alle persone. Rapidi a scatenare il cambiamento di cui il Mondo ha bisogno.
[quote align=”alignright” name=”Seth Godin”]Freedom is our problem and freedom is our opportunity[/quote]
Se si può, si esce con tutti i formati: carta, audio, ebook…se però questo si sposa col progetto. Altrimenti solo carta. Il prodotto è per il cliente, quindi il prezzo e il formato si decidono pensando a lui. C’è da domandarsi se non sia un’ovvietà: evidentemente non lo è più e bisogna ricominciare dall’ABC!
Ma torniamo al libro. Questo libro, o forse sarebbe meglio chiamarlo magazine, non so…è una mezza via, è uno dei primi di questo progetto dal formato innovativo.

It’s your turn: ora tocca a te!

Meno cervellotico, meno ostico di un libro tradizionale, il lavoro di Seth Godin ha contenuti profondi ma scritti per essere divulgati a tutti. Seth Godin dice che lo hanno fato così perché volevano un oggetto fisico che cambiasse il mondo attraverso un passaparola orizzontale fra i lettori.

Questo libro aiuta a superare le paure che ci frenano nel fare quello che ci piace. È un libro che Seth Godin ha scritto con l’intento di spingere il lettore a scavare nel profondo per poter costruire le cose che davvero contano di più per lui. A volte, leggerlo è come ricevere un ceffone. Se qualcuno ha bisogno di una “pedata nel sedere” per mettere in pratica tutti i buoni propositi che ha nel cuore, bene, questo libro è quello che fa per lui! Fa male mettere in discussione noi e i nostri sogni. Spesso è molto più facile lamentarsi delle cose e non rischiare di cambiarle.

Il libro è sicuramente una lettura interessante e utile non solo per chi vuole cambiare vita, ma anche per chi vuole ricevere una lezione di puro marketing. Compri il volume e sai di essere dentro un’azione promozionale virale. Lo capisci e ti piace persino! È come essere dentro un gioco di cui tu sei uno dei protagonisti. Resta comunque un libro che sprona al cambiamento, ogni provocazione è acuta e coinvolgente. Ne leggi due pagine e sei già lì a prendere un foglio per dare le dimissioni! Di contro: gli slogan non sempre bastano.

Una foto pubblicata da Giorgio Minguzzi (@gminguzzi) in data:


La cultura americana ci influenza molto ma non siamo capaci di leggere un libro come questo con lo stesso spirito. L’inglese non è difficilissimo ma alcune parole sono in slang e non si trovano nemmeno nel dizionario. Di tanto in tanto si citano personaggi o protagonisti di sit-com americane che noi non riconosciamo con la stessa immediatezza del pubblico d’oltre oceano.

Gli occhi di chi riceve il libro in dono

Ad ogni modo leggerlo è utile: un’esperienza da fare. Lo leggi e ti gasi, ti viene voglia di cambiare veramente, di riprendere in mano le redini della tua vita! Ma c’è una cosa ancora più interessante e curiosa: regalare il libro.
Quando lo compri ti omaggiano di alcune copie in più (insomma, le paghi, ma ti sembra che te le regalino). E quando tu propaghi questa lettura vedi gli occhi delle persone illuminarsi. Chi non vorrebbe cambiare qualche cosa nella propria vita? Chi non ha un sognio nel cassetto che non ha il coraggio di realizzare?

Donare questo libro è veramente una bella esperienza, chi lo riceve sembra abbia davvero fra le mani un regalo fatto appositamente per lui, personale.
Fa un bell’effetto. Se volete acquistarlo trovate tutto qui www.yourturn.link con ovviamente molte informazioni aggiuntive.
Buona lettura e buona fortuna! 😉

PS: io ho letto il libro e le dimissioni le ho date per davvero!

Commenti

2 commenti a “It’s Your Turn: l’ultimo libro di Seth Godin”

  1. max scrive:

    quando sarà pubblicato in Italia?

    1. Grazi Massimiliano per la domanda. Se per pubblicato in Italia intendi in lingua italiana, non te lo so proprio dire. Se invece intendi: quando si potrà comprare in Italia? Allora posso dirti che è già disponibile, basta andare su Amazon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le difficoltà dei content marketer che non ti aspetti

Le difficoltà dei content marketer che non ti aspetti

05 dicembre 2016
Over App: Visual Content che fa la differenza

Over App: Visual Content che fa la differenza

01 dicembre 2016
Industry 4.0: i robot ci ruberanno il lavoro?

Industry 4.0: i robot ci ruberanno il lavoro?

28 novembre 2016