Dropbox Paper

Dropbox Paper: editor di testo minimalista pensato per la collaborazione

Scritto da Giada Centofanti il 20 aprile 2017

Oggi vi parlo di Paper, una app che Dropbox ha annunciato nel 2015, ha lanciato in public beta nel 2016 e finalmente ha rilasciato in versione stabile a gennaio di quest’anno.

Ti è piaciuta la puntata? Dillo su Twitter.

E di che si tratta?

In molti lo definiscono un competitor di Google Docs, in realtà è molto più minimalista. Non si presenta come come un word processor classico con la barra degli strumenti in alto, piuttosto è simile all’editor inline delle note di Facebook o di Medium. Quindi quando selezioniamo del testo appare una barra per la formattazione: c’è il grassetto, il barrato, i tag di intestazione H1 e H2, gli elenchi numerati e puntati, le caselle da spuntare. In più ci sono i pulsanti per inserire un link o per aggiungere un commento. Per tutte queste azioni, e anche per quelle che nella barra non ci sono, tipo l’intestazione H3 o il corsivo, ci sono le scorciatoie da tastiera.
DropBox Paper
Oltre al testo, utilizzando un apposito bottoncino a forma di +, si possono aggiungere immagini, file o link da Dropbox, tabelle, linee divisorie e codice. Oppure puoi incorporare un video o un audio semplicemente incollando il link, tra i servizi supportati ci sono YouTube e Soundcloud.

Una cosa molto interessante è che si può scrivere in Markdown e il testo viene visualizzato immediatamente come formattato. E volendo quando abbiamo finito possiamo scaricare il file con estensione .md (l’altra opzione è .docx).

Quindi, ricapitolando, secondo me Paper è più simile a un tool per scrittura senza distrazioni, con molte opzioni comode per chi scrive per il web. E a me – devo dire la verità – questa pulizia, questi ampi spazi bianchi, piacciono.

Bene, ma invece a collaborazione come siamo messi?

Chiaramente la collaborazione è il focus sia di Paper che di Google Docs. Una prima differenza tra le due è che Paper ti permette di modificare un documento condiviso con te solo facendo l’accesso a Dropbox, quindi devi per forza avere un account. Se non accedi puoi solo visualizzare il documento. Al contrario con Google puoi scegliere di farlo modificare a chiunque tu voglia, anche se non ha un account Google.

Una cosa utile invece è che su Paper puoi vedere facilmente quali modifiche hanno fatto gli altri utenti, con Google Docs invece è un po’ più macchinoso perché bisogna andarle a cercare nella cronologia delle revisioni.

I commenti a margine sono molto simili in entrambe le app e in tutte e due puoi menzionare qualcuno in un punto del documento. Visto che Paper ha le caselle da spuntare, puoi anche creare una lista di compiti e assegnarli a vari utenti.

Ah, una cosa che secondo me non è il massimo è che – almeno per ora – non si possono caricare documenti da modificare, come siamo abituati a fare con Google Docs. Si possono solo creare. elaborare e poi scaricare. Certo si potrebbe fare copia/incolla da un file che magari abbiamo sul pc…

Senti, ma dove la possiamo usare questa app?

Su qualunque computer perché è web based. Dopodiché ci sono le app per iOS e Android per usarla anche quando siamo in giro e per ricevere eventuali notifiche di commenti o menzioni, eccetera.

E quanto costa?

Paper è inscindibile dal proprio account Dropbox, quindi se hai un account gratuito è gratuita altrimenti è inclusa nel prezzo del tuo piano. Per il momento – e questo è interessante – i documenti di Paper non vengono calcolati nella quota di archiviazione di Dropbox e non ci sono limitazioni per il numero di file che si possono creare. Però tutto questo un giorno potrebbe cambiare, c’è scritto anche in un articolo del centro assistenza.

Aiutaci a far crescere il podcast!

Ti è piaciuta la puntata di oggi? Lascia la tua recensione su iTunes e iscriviti al podcast.

Se ascolti MERITA BUSINESS PODCAST su Stitcher o altre piattaforme puoi lasciare la tua recensione seguendo queste istruzioni. Grazie!

Fai conoscere MERITA BUSINESS PODCAST ai tuoi follower su Twitter!
Condividi il podcast

Note della puntata
Maggiori informazioni sulla app si possono avere sul sito ufficiale di Paper.
Sistemi supportati: web, iOS e Android.
Prezzo: piano gratuito e piani a pagamento.
Se ti interessa un articolo sull’uso di un Dropbox Aziendale ti consigliamo questo dal titolo: “Come condividere documenti aziendali con commerciali e agenti“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Digital PR: l'ufficio stampa serve ancora?

Digital PR: l'ufficio stampa serve ancora?

18 settembre 2017
Email marketing con MailChimp: la potenza dell'automazione gratis per tutti

Email marketing con MailChimp: la potenza dell'automazione gratis per tutti

11 settembre 2017
Cos'è Quora e come può essere utile per promuovere la tua attività

Cos'è Quora e come può essere utile per promuovere la tua attività

04 settembre 2017