TUTELA PATRIMONIALE: Come Tutelare per Tempo i Tuoi Cari

Proteggi per tempo chi ami e la tua azienda.
Condividi:

Se c’è una cosa nella vita che ci accomuna tutti è la morte. Fate tutti gli scongiuri che volete ma prima o poi questa cosa che ciascuno si sforza di ignorare, accadrà. E quando accadrà, lasceremo sicuramente delle persone tristi che dovranno gestire oltre al dolore anche problemi molto pratici. Ovviamente nessuno di noi vuole questo, perciò occorre pensarci per tempo.

Il Podcast dove vuoi

Utilizza la tua app preferita  per ascoltare e premi SUBSCRIBE, è gratis!

Ecco perché oggi parleremo di Tutela del Patrimonio e di tutte le cose da fare per proteggere le persone a cui vogliamo bene nella malaugirata ipotesi che le cose non vadano come speriamo.

Parleremo di un argomento che tutti cerchiamo di evitare ma che non possiamo cancellare. Anzi, è importante pensare per tempo a cosa succederà dopo la nostra morte perché non c’è solo la tutela dei figli, della famiglia, delle persone che amiamo, ma quando lasciamo questo mondo dobbiamo pensare anche alle nostre aziende, che magari danno lavoro a delle persone che pagano muti, che mandano a scuola i figli, persone che ci hanno aiutato a costruire tutto quello che abbiamo costruito.

Come sapete, questo show è rivolto a chi lavora in azienda e queste tematiche, ahimè evitate come la peste, sono invece molto concrete, soprattutto nei loro effetti sulla vita delle persone che ci circondano.

Ecco perché ho chiesto ad un amico di Merita di venire a darci una mano perché anche se sono temi scomodi, qualunque sia la nostra posizione, possiamo semplificare la vita a chi resterà dopo di noi. 

Oggi parleremo con Alfonso Selva, per chi non conoscesse Alfonso Selva, Alfonso è un consulente di Allianz, un professionista molto attivo sui social, uno dei pochissimi che crea si questi temi tantissimi contenuti digitali sia audio (ha un podcast) sia video.

Alfonso, se volessi tutelare il patrimonio da lasciare i miei eredi, quale strumento mi consiglieresti di usare?

Il patrimonio da lasciare agli eredi penso sia una delle priorità principali da tenere in considerazione per chiunque.

Sia che tu abbia solo una casa o che tu abbia molti immobili, un’ azienda e anche dei soldi investiti, il principale strumento da usare è il TESTAMENTO.

Il Testamento è semplice da usare e anche molto economico se fatto in tempi non sospetti.

Intendo dire che bisogna farlo quando si sta bene, quando si è nel pieno possesso delle proprie facoltà mentali e fisiche e non pensarci quando si è in fin di vita.

Come tutte le cose semplici non è però facile farlo bene, ma va fatto insieme con un Notaio che sa perfettamente come scriverlo a prova di impugnazione.

Io chiaramente non sono un Notaio, ma nel mio Team ho il professionista giusto per soddisfare ogni esigenza del mio cliente anche se non sono io a farlo.

Ottimo e molto chiaro. Ma oltre al testamento c’è altro? Ho a disposizione altre strumenti?

Si,  guarda in media per un risparmiatore normale, di solito il testamento è già uno strumento di pianificazione patrimoniale sufficiente, ma insieme con esso ci sono molti altri servizi da poter usare.

Te ne dico qualcuno:

  • La Polizza Vita 
  • Il Patto di Famiglia
  • Il Trust
  • Il Fondo Patrimoniale 
  • La Donazione
  • La Riserva di Disporre
  • Il Vincolo di Destinazione
  • Il Fondo Speciale
  • L’ Affidamento Fiduciario
  • La Legge del Dopo di Noi

E qui mi fermo perché in un mio articolo sul mio blog sono arrivato a contarne 32, tra strumenti Finanziari, Assicurativi e Legali.

Quando penso alla tutela, mi viene in mente la mia morte. Ovviamente dirai tu. Ma io ho timore anche dell’invalidità: io potrei non morire subito, restare un certo periodo tempo incapace di intendere e di volere, ammalato, bisognoso di cure. Non sono quindi morto ma non posso più operare, come tutelo i miei figli o i miei eredi?

Prima di parlarti delle problematiche che ti possono capitare per gestire i tuoi soldi in caso di incapacità, voglio parlarti di una cosa che si può fare per far vivere tranquillamente i tuoi eredi anche se uno rimane su una sedia a rotelle.

Esiste una Tutela Assicurativa, chiamata LTC cioè Long Term Care che in italiano vuol dire cura a lungo termine, che serve per dare una rendita mensile per coprire i costi per curare una persona non più autosufficiente.

Sto parlando dei costi di una badante, di una infermiera, dei costi per le cure varie.

Questa copertura assicurativa serve per non rimanere senza soldi per curarsi e far stare tranquilli i propri figli o la moglie o il marito.

Per tornare alla domanda, se divento incapace di intendere e di volere e ho tutti i miei soldi in banca messi sul conto corrente e investiti e i miei figli o mia moglie non hanno accesso al mio conto è un grande problema.

Se devo usare i soldi della persona che improvvisamente è diventata incapace, devo 

fare un procedimento che può durare da 6 mesi ad un anno, dipende dai tribunali e intanto se mi servono urgentemente i soldi cosa faccio?

Come detto prima se invece ho programmato per tempo tutte le possibilità allora mia moglie o i miei figli possono accedere ai conti senza problemi.

Tutela del Patrimonio

Approfondiamo la questione delle tasse di successione su un patrimonio. Mettiamo di avere investito in una casa al mare. Quando muoio la location va tremendamente di moda. Trilocale da 250.000 euro ora ne vale 600.000. Le tasse mi possono mettere in difficoltà gli eredi, perché magari non hanno quell’importo in liquidità sul conto. Hai qualche suggerimento?

Il problema delle tasse di successione purtroppo è sentito solo quando accade il fatto.

Facciamo un punto sulle aliquote che ad oggi sono tra le più basse d’Europa

Prima di tutto c’è una franchigia di 1 Mil di euro che comprende i valori finanziari, immobiliari, quote societarie e tutto quello che ha un valore.

Poi oltre il Milione di euro si paga il 4%.

Ma anche se il valore trasmesso agli eredi è sotto il Milione di euro, per entrare in possesso dell’eredità devi comunque pagare dei soldi allo stato Italiano.

Per avere il possesso di una casa devi pagare prima le imposte di successione che sono in percentuale del valore catastale dell’immobile.

Poi devi comunque pagare l’accettazione dell’eredità.

Ora ti faccio un esempio pratico che ho visto succedere ad una persona amica di un mio cliente.

Una persona che aveva diversi immobili di proprietà, uno in città, uno al mare e altri due affittati, aveva una somma consistente di denaro liquida sul conto corrente, altri soldi investiti ed era proprietario insieme ad un socio di una SPA molto redditizia, è morto improvvisamente.

Lui aveva una cinquantina di anni ed era in salute e non aveva assolutamente pensato che potesse morire da un momento all’altro.

Moglie e figli erano fuori da ogni gestione e improvvisamente hanno dovuto far fronte a tutto.

La banca gli ha bloccato i conti in attesa della successione e quindi gli eredi non potevano accedere ai soldi.

Per poter pagare le tasse di successione dovevano vendere qualche casa, ma per venderla lo stato Italiano richiede OBBLIGATORIAMENTE che tu abbia pagato le tasse di successione altrimenti il Notaio non stipula la vendita.

Per non parlare delle problematiche relative alla gestione della società di cui era socio.

In concreto nonostante l’elevato valore del Patrimonio di cui gli eredi erano venuti sulla carta in possesso, non potevano assolutamente fare nulla…

Anzi erano poveri!!

Per risolvere il problema hanno dovuto chiedere aiuto al mio cliente loro amico che gli ha prestato i soldi per pagare le tasse di successione e poi vendere un paio di case per ripagare il tutto.

Se invece avesse fatto un testamento in cui prevedeva la divisione dei beni, se avesse investito i soldi tramite degli strumenti Assicurativi che anche se sono remunerativi, in caso di morte vanno agli EREDI designati SENZA TASSE e SENZA SPESE avrebbe pianificato ottimamente per i propri eredi.

Prima di tutto avrebbe fatto  risparmiare  TANTI SOLDI ai suoi eredi perché sugli investimenti non avrebbero pagato nulla, l’aliquota complessiva sarebbe stata minore o forse nulla.

Gli eredi non avrebbero dovuto vendere nessuna casa per pagare le tasse di successione, anzi ognuno avrebbe avuto intestata la sua casa senza problemi.

Abbiamo parlato di case, terreni, soldi…ma se ho un’azienda. che succede? Magari ho un socio…

Giusto, parliamo della società di cui era socio.

Prima di tutto bisognerebbe scrivere uno statuto e atto costitutivo che preveda anche la morte di uno dei soci.

Poi io consiglio sempre di stipulare delle polizza di Tutela Assicurativa dette KEY MAN PROTECTION a copertura del rischio morte dei soci.

I benefici di avere una copertura Assicurativa del genere sono molteplici:

In caso succeda l’evento la società entra in possesso di una liquidità per poter liquidare gli eredi del socio scomparso.

I suoi eredi hanno subito e SENZA TASSE dei soldi per pagare ogni esigenza.

Il socio superstite può rimanere a gestire la società senza interferenze degli eredi del socio scomparso.

E per finire queste coperture assicurative sono pagate dalla società, sono un costo per lei e quindi vanno a diminuire l’utile su cui poi si pagano le tasse.

Quindi meno tasse in modo del tutto legale,copertura Assicurativa dei soci e delle loro famiglie pagata dalla società e possibilità per la società di continuare ad operare sul mercato senza problemi.

Non scordiamoci che una società che va bene e produce, ha dipendenti che lavorano per lei e questi dipendenti di solito hanno famiglie, quindi anche per loro non si creano problemi.

Questo è un argomento sensibile, delicato. Culturalmente pare sempre brutto parlarne con i propri cari. A volte si pensa: Ma non vorrei mica tirarmela…alcuni dicono “lascia stare che porta male parlarne”...

Si hai ragione. A volte mi capita di sentire questa obiezione.

Io di solito cerco di affrontare l’argomento sollecitando nella persona che ho davanti il pensiero di prendersi cura dei propri cari e non di pensare che morto lui il mondo finisce.

Poi ti dico che dopo il COVID, le persone hanno preso coscienza che tutto può succedere da un momento all’altro e che programmare anche questo aspetto non può assolutamente portare sfiga, anzi.

Di solito quando si ha una copertura Assicurativa si vive più tranquilli e la tranquillità fa vivere più a lungo.

Note

Per contattare Alfonso Selva ti consiglio il suo profilo Linkedin oppure il suo sito personale alfonsoselva.it.

- 23 Maggio 2022

Pubblicità Online: perché non funziona più come una volta

Ha ancora senso investire in Social Media Advertising? Scopriamolo insieme.
- 16 Maggio 2022

Mi serve un CRM Software?

Come capire se è giunto il momento di comprare un Customer Relationship Manager.
- 9 Maggio 2022

Open Rate: come migliorare il tasso di apertura delle newsletter

Otto consigli per aumentare il tasso di apertura delle newsletter.

ENTRA NELLA COMMUNITY
Iscriviti alla newsletter e ricevi l'invito al Gruppo riservato agli ascoltatori del podcast.

crossmenu