Giada Cipolletta

Teoria vs. Pratica

Scritto da Giorgio Minguzzi il 11 Novembre 2019

Chiunque smetta di imparare è un vecchio, che abbia 20 anni o 80.
Chi continua ad imparare, giorno dopo giorno, resta giovane.
La cosa migliore da fare nella vita è mantenere la propria mente giovane ed aperta.
Così sosteneva Henry Ford e certamente imparare è diventato più semplice e alla portata di tutti, dall’altro l’offerta è cresciuta così esponenzialmente che scegliere è diventato complicato.

Ti è piaciuta la puntata? Dillo su Twitter.

Ascolta il podcast dove preferisci

Premi subscribe (è gratis!) utilizzando la tua app preferita.


Un scontro a colpi di formazione vede contrapporti teoria contro pratica. Cerchiamo di vedere chi delle due vincerà.
Oggi ne parliamo con Giada Cipolletta.
Per chi non conoscesse Giada Cipolletta, Giada è una formatrice, esperta di content marketing e neuroscienze, ha scritto un libro sulla Customer experience che vi invito a leggere.
Teoria vs. Pratica - Giada Cipolletta
Con lei parlerò di formazione e di come orientarsi in un’offerta che ogni giorno si amplia e diventa più complessa da navigare. Come sapete questo tema, mi coinvolge particolarmente, infatti non avrei fondato Improovo che si occupa proprio di aiutare le aziende ad avere la formazione giusta dal formatore giusto. Sono convinto che per le aziende oggi il crowdsourcing sia una opzione interessante, ma per i privati? Per i professionisti? Come ci si orienta?

Giada, dimmi la verità: la formazione è la leva per realizzare il cambiamento oppure anche questo è uno slogan?

Forse sì, forse no. Chi lo sa. Magari aveva ragione il filosofo indiano Sri Aurobindo quando diceva che “il primo principio del vero insegnamento è che nulla può essere insegnato.” La formazione è certamente un percorso e un processo di trasformazione personale che ci porta, un passo dopo l’altro, a trovare la nostra strada e la nostra voce.

Pochi giorni fa è uscita la notizia (molto clickbait) dei corsi universitari per diventare influencer. A parte il fatto che il titolo era veramente un inganno, alla fine si è capito che tutto si poteva riassumere in una programma di studi per scienze della comunicazione con un po’ di internet marketing. Solo che Tim Berners-Lee ha creato la prima pagina web nel giugno del 1991…se l’Università ci mette tutti questi anni ad accorgersene, oggi che si parla tanto di blockchain non vedremo nulla….io e te moriremo prima. Quindi come facciamo?

Giada CipollettaContinuiamo a fare quello che abbiamo sempre fatto. Troviamo altre sentieri, altri luoghi nei quali nutrire la nostra curiosità e alimentare le nostre competenze. Se aspettiamo che siano gli ambienti accademici/universitari a fare qualcosa – un po’ come quegli imprenditori che si aspettano che la spinta al proprio business venga dall’alto o dall’esterno – davvero rischiamo di rimanere fermi sul binario mentre il treno ci sfreccia davanti.
Spesso gli ambienti istituzionali non sono pronti a gestire materie liquide, volatili e in costante evoluzione come quelle di cui ci occupiamo. Consideriamo anche che, per moltissimi anni, gli insegnanti si sono adagiati sul confortevole cuscino delle competenze acquisite, sulla letteratura da trasmettere in forma canonica, senza la reale necessità di andare “oltre” (anche perché, spesso, sono loro i primi a non formarsi e a non continuare il proprio percorso di crescita e di arricchimento delle competenze.)
Non vale per tutti, sia chiaro: esistono anche esempi virtuosi di chi ci sta provando e riuscendo.

Internet ha portato tante nuove opportunità e sono nate tante tecnologie. Pensi ancora che la docenza frontale sia la strada per insegnare? Come è cambiato il metodo di insegnare e il metodo di apprendere?

C’è grande accessibilità, molta più libertà e apertura ma bisogna imparare anche a discernere la fuffa dalla sostanza. Un bravo insegnante può essere un faro, una guida per non disperderci nel mare magnum dell’overload informativo.
A livello etimologico c’è differenza tra i termini docente, formatore e coach, perché è diverso mettersi dietro una cattedra a divulgare nozioni con il guidare/accompagnare i propri allievi, aiutandoli maieuticamente a tirare fuori il proprio potenziale, stimolando la loro voglia di approfondimento, la loro creatività e loro capacità di “rendere proprio” un concetto.

“Non è mai troppo tardi” diceva il maestro Manzi. Lui ha insegnato a leggere agli Italiani. Anche oggi viviamo in una sorta di analfabetismo. Ci vorrebbe un maestro manzi del digitale: cerchiamo di immaginarci.

Io mi immagino un bel robot, in grado di imparare grazie al machine learning :-). Abbiamo bisogno di una guida che ci aiuti interpretare il rumore del presente e ci rieduchi all’approfondimento, alla rielaborazione alla sedimentazione. Il fast learning spesso ci fa ingurgitare solo junk knowledge. Dobbiamo (re)impare a masticare e digerire i concetti, con il giusto tempo.

Ok tutto perfetto. Ma un conto è la teoria, un conto è la pratica. Quanto conta la teoria oggi?

La teoria serve per essere messa in pratica. Tutto si muove molto velocemente e dobbiamo imparare a gestire contestualmente i momenti di apprendimento teorico con quelli di messa in atto. Anche perché se non pratichiamo, non sbagliamo e se non sbagliamo… non impariamo!

Ho comprato alcuni corsi online blasonati. ore e ore di slide e di video per dire poco o nulla. Non è che mi hanno truffato è che non ti fanno vedere quello che fanno loro. C’è un mare di teoria e per vedere la pratica di dicono di andare a vedere cosa fa Uber, AirBnB, McDonald, la Coca-Cola…ma secondo te un professionista italiano può davvero fare come fa Uber?

Sono d’accordo con te, il professionista italiano ha bisogno di casi specchio, perché come ci insegnano le favole, è grazie agli esempi che si apprende la morale. Il ruolo del formatore, in questo caso, è davvero importante: deve imparare a studiare, ascoltare e osservare i suoi allievi (utenti /target/personas – chiamali come vuoi) e cercare di cucire le proprie metodologie sulla loro quotidianità lavorativa. Non si può continuare a parlare di empatia e poi non metterla in pratica. E un’altra cosa: spesso le idee creative migliori arrivano da esempi non verticalizzati nel settore specifico, ma da contaminazioni con ambiti anche diametralmente opposti.L’abilità sta nel prendere, rielaborare e ricontestualizzare, mettendoci la propria voce.

La scorsa settimana sentivo un podcast in cui si parlava dei robot che ci ruberanno il lavoro. Sai quelle cose un po’ apocalittiche che fanno notizia. Il guru intervistato diceva che il segreto era nella formazione. Ora, permettimi una domanda che non voglio sia considerata una polemica: secondo te il nostro futuro è in mano a professionisti che si formeranno in quattro e quattr’otto sulle tendenze del momento? Saremo in mano a professionisti che si sono preparati solo sui bignami digitali? Gente che in continuazione cambia etichetta secondo di quello che chiede il mercato, tutti laureati all’università dei tutorial su Youtube?

Dio ce ne scampi e liberi! A volte non abbiamo bisogno di imparare cose nuove ma di comprendere meglio quelle che pensiamo di aver già acquisito. Ogni cosa, infatti, può essere letta e analizzata da più punti di vista, regalandoci, in tempi e contesti diversi (anche emotivi), sfaccettature, declinazioni e colori sempre nuovi. Aver voglia di conoscere e curiosare in più ambiti non è un male assoluto,anzi, ben venga la voglia di esplorare. Tuttavia, frammentare troppo la propria formazione può non essere la soluzione: impariamo un po’ di tutto ma, alla fine, sappiamo poco di niente. Senza dimenticare che, come dicevamo, a tutta questa parte teorica deve affiancarsi quella – imprescindibile – dello “sporcarsi le mani”.

Un professionista, non voglio dire un imprenditore, ma un dipendente che ha un compito specifico in azienda, un libero professionista…dove imparano oggi? Che canali usano per imparare?

Non ci sono più scuse. Grazie a internet possiamo accedere a tutte le informazioni che vogliamo. Diverso è se vogliamo frequentare quel corso con quell’insegnante particolare o vivere un’esperienza in un luogo che abbiamo sempre sognato. Però rispetto al passato, se abbiamo voglia di impare possiamo usare il web, le app, i podcast, vedere i tutorial su you tube, fare corsi online o onsite, leggere libri (esistono ancora eh!), vivere esperienze sensoriali per sentire sinesteticamente su di noi gli effetti della pratica, possiamo sperimentare la realtà aumentata, immergerci nella conoscenza con il VR o provare l’ebbrezza di avere come insegnante un robot o un ologramma.

Su Improovo arrivano tantissime richieste di formazione, la maggior parte sono legate alle soft skill. Che sia questo il capitale che serve per il futuro?

Sono il capitale che serve per il presente, senza il quale non possiamo costruire il futuro. In fondo la formazione è l’allenamento della mente a pensare, un processo esperienziale di trasformazione ed evoluzione delle nostre capacità che richiede ricerca, analisi e introspezione per ritrovare il vero maestro, quello che è dentro di noi.

Aiutaci a far crescere il podcast!

Ti è piaciuta la puntata di oggi? Lascia la tua recensione su iTunes e iscriviti al podcast.

Se ascolti MERITA BUSINESS PODCAST su Stitcher o altre piattaforme puoi lasciare la tua recensione seguendo queste istruzioni. Grazie!

Fai conoscere MERITA BUSINESS PODCAST ai tuoi follower su Twitter!
Condividi il podcast

Note della puntata

Nella puntata abbiamo citato “Fatti di Podcast” che è una Podcast Community Italiana a cui si accede se si è veramente appassionati di podcast.
Il libro di Giada Cipolletta si intitola “Customer experience. Fai marketing di valore nell’era dell’esperienza

Il podcast si Giada si chiama Buzzword e lo trovate su Spreaker.

???SOSTIENI ???

Fai una donazione per sostenere economicamente il podcast.
Qui le istruzioni:
https:/www.merita.biz/sostieni.

₿ Bitcoin (BTC)

3K2VFhnChh5yTUbp6YiwkrUC2xKUzQdnYS

Ethereum (ETH)

0x4c43488DFbAd12c1c0f1c16Dca84239FAF920F69

Litecoin (LTC)

MD5BuTNAYPKkyazEb5WEnXFk7CW3S4LE9Y

Il tuo supporto consente al podcast di continuare e migliorare.

  • Se non vuoi donare nulla, almeno fai conoscere il podcast.
  • Dillo ai tuoi amici, consiglialo.
  • È un modo semplice ma concreto di aiutare il podcast.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come iniziare una presentazione in pubblico: come cominciare uno speech

Come iniziare una presentazione in pubblico: come cominciare uno speech

18 novembre 2019
Teoria vs. Pratica

Teoria vs. Pratica

11 novembre 2019
LinkedIn Events: il networking digitale per gli eventi dal vivo

LinkedIn Events: il networking digitale per gli eventi dal vivo

28 ottobre 2019