Mailerlite: l'alternativa economica e potente per l'email marketing

Cerchi un'alternativa a MailChimp o Mailup che costi decisamente meno? Prova Mailerlite, l'economico e potente strumento di email marketing, è gratis!
Condividi:

Ciclicamente occorre fare una spending review dei servizi online che compriamo. Qualche tempo fa rivedendo le spese per promuovere la mia attività ho notato che spendevo parecchio nel servizio di email marketing, così mi sono messo a cercare una alternativa. Grazie a questa ricerca ho trovato Mailerlite e oggi vi racconto a distanza di tempo cosa ne penso di questa soluzione per l’email marketing in totale trasparenza.

Il Podcast dove vuoi

Utilizza la tua app preferita  per ascoltare e premi SUBSCRIBE, è gratis!

Mailerlite è un servizio software per fare email marketing e molto altro. 

In pratica non è uno strumento utile solo all’inoltro della newsletter, ma contiene al suo interno una serie di strumenti per costruire landing page, pop-up temporizzati per il nostro sito web, sondaggi e questionari per conoscere meglio il proprio pubblico di riferimento e molti altri strumenti per promuovere le vendite online.

Mailerlite è completamente gratis fino a 1000 email

Come spesso avviene sul web, quando un brand si posiziona chiaramente, le persone si dividono in fan sfegatati e detrattori. Succede anche con Mailerlite: c’è chi lo adora e chi dice che è una pessima soluzione, che è meglio Mailchimp, o che è meglio SendinBlue e così via…

Personalmente uso da tempo Mailerlite per molti progetti e anche per la mia newsletter personale, quella a cui sono iscritti tutti i “meritevoli ascoltatori del podcast”!

Perso quindi di poter fornire un parere sincero e utile a chi sta cercando di selezionare una soluzione di email marketing e si ritrova a doversi orientare in un mare di proposte difficili da valutare.

Senza farvi perdere tempo vi dico subito come la penso: Mailerlite è un prodotto perfetto per alcuni clienti, ma non per tutti. Clienti ultra-esigenti troveranno Mailerlite non adatto alle loro esigenze.

Vi fermo subito, penso che sia una soluzione eccezionale e credo fermamente che la maggior parte delle persone che cercano un servizio per fare email marketing possano essere davvero molto contente di Mailerlite. Tutto sta nel capire se si è il cliente giusto o meno.

Cerchiamo quindi ci capirlo insieme. Ora vi racconto la mia esperienza.

Mailerlite è un servizio di email marketing economico.

Basta fare un giro nella sua tabella prezzi per capire quando poco costi spedire tonnellate di email rispetto ai competitor. Tanto per essere chiari, per gestire una newsletter di 10.000 contatti Mailerlite richiede 44 euro al mese, Mailchimp oltre 260 euro al mese. Come sapete i prezzi cambiano sempre molto velocemente, vi consiglio di fare un giro e veriicare ma se fate caso alla proporzione del costo del servizio vi accorgete che Mailerlite vuole posizionarsi su un target di pubblico che ha voglia di mandare email, ma vuole davvero spendere poco.

Ti voglio far notare che Mailerlite è anche l’unico o quasi l’unico strumento, che per una lista fino a 1000 contatti è completamente gratuito. 

Sì, ovviamente nelle comunicazioni, il sistema ti obbligherà ad inserire un piccolissimo banner pubblicitario, ma è davvero utile poter avere a disposizione Mailerlite gratuitamente per progetti piccoli o appena partiti.

Ti confesso che questo è proprio il motivo per cui sono finito a provare Mailerlite.  

Tempo fa, per un piccolo sito legato alla mia passione per le ricetrasmittenti, ho scoperto Mailerlite e ho deciso di usarlo per raccogliere un po’ di email e mandare agli iscritti di una newsletter per radioamatori.

Sono partito con il trial gratuito, cliccando lo stesso link che trovi in calce nelle note ho continuato ad aggiungere progetti e a migrare persino il mio vecchio account su Mailchip che avevo dal 2015 quando ho messo online il sito mertita.biz

Cosa mi ha convinto?

La semplicità.

Mailerlite è uno strumento che offre moltissimi servizi che possono essere utili in un progetto web. E nonostante questo è uno strumento che non mi ha rischiesto una riga di codice per funzonare. 

Ottimo l’editor, molto buoni i template disponibili (con la possibilità di modificarli a piacere) sono facilissimi da configurare in totale autonomia.

Nemmeno sulla segmentazione delle liste, nemmeno sulla creazione dei form, nessuno mi ha mai dovuto aiutare. Io non sono uno sviluppatore e ho competenze elementari di programmazione. Grazie a Mailerlite ho avuto la possibilità di fare tutto quanto in totale autonomia.

Appena poi ho cominiciato ad apprezzare anche la parte di automation, sono passato alla versione a pagamento perché il numero degli iscritti di questi progetti era cresciuto e avevo bisogno di poter adeguare il piano ai requisiti di Mailerlite. 

Ovviamente con qualche migliaio di iscritti si apprezzano anche le funzioni di A/B testing che per quanto concettualmente utili non hanno lo stesso appeal quando si hanno poche decine di iscritti alla mailing list.

Automation

La parte relativa alle automazione e alla segmentazione automatica delle liste è semplice da configurare, oserei dire perfetta per chi ha l’esigenza di fare delle semplice drip campaign, cioè delle catene di email temporizzate per costruire un funnel molto semplice.

La persona si iscrive, conferma la sua iscrizione con il double opt-it, e poi distanziate nel tempo arrivano altre email sempre al medesimo indirizzo.

Quello dell’autmaton per mailerlite è un punto delicato: come ho appena detto, se l’esigenza si ferma a questo, Mailerlite è un prodotto perfetto. Clicca il link nelle note, fai partire l’account gratuito ed inizia a provare tutte le funzionalità. 

Se invece cerchi automatismi più sofisticati, forse non è proprio la soluzione più adatta perché anche se realizzabile, una gestione avanzata del comportamento dell’utente non è il punto forte di Mailerlite.

Però diciamocelo chiaramente: quante persone cercano strumenti sofisticati, che inoltrano corrispondenza specifica a seconda dei link cliccati nelle email precedentemente ricevute? 

Non moltissime.

E chi anche le dovesse avere, forse non cerca fra i prodotti che hanno come prezzo di ingresso cifre così contenute.

Chi ad esempio opera nel commercio elettronico potrebbe avere necessità più complesse su quello che possiamo chiamare “Behavioral Targeting” e probabilmente cercherà dei prodotti realizzati appositamente per far arrivare a ciasun utente una newsletter che promuove prodotti correlati a ciò che ha già comprato o su temi a proposito dei quali ha già mostrato interesse. 

Insomma, se sei in quell’1% che vuole sfruttare a fondo la personalizzazione delle comunicazioni via email, Mailerlite forse non è la scelta per te.

Landig Pages,Pop up, vendita di prodotti digitali.

Quando si valuta un servizio come Mailerlite lo si fa per l’invio delle email. Ma gestendo tanti progetti web capita di dover tirar su una Lading page in fretta. Una pagina di atterraggio su cui dirigere un po’ di traffico grazie all’advertising. Bene, Mailerlite ha una bella collezione di landing page con cui realizzare al volo una pagina con ottime probabilità di conversione.

Con l’editor drag & drop ache per questo tipo di strumenti Mailerlite garantisce la totale autonomia.

Lo stesso lo si può dire per i pop-up, per i sondaggi che possono essere utili per condurre delle campagne mirate, magari per un numero limitato di giorni. Stessa cosa vale per la possibilità di vendere prodotti digitali con facilità.

Conclusioni della recensione su Mailerlite

La caratteriatica che mi piace di più personalmente è la capacità di fare delivery.

Ho degli open rate abbastanza buoni, di ben oltre il 30%. Tassi che con Mailchimp non avevo. Uso anche diverse gif animate e le email passano indenni attraverso diversi motori antispam.

Direi che non posso chiedere altro al sistema di invio perché alcune liste sono in realtà vecchiotte e dovrei effettuare uno screening di pulizia più radicale. 

Ma queste liste ho e me lo faccio bastare, almeno per ora.

Se poi mi trovassi in difficoltà con circa 500 euro l’anno posso sempre prendermi un ip personale e migliorare ancora la delivery delle email e gli open rate, ma per ora sono soddisfatto.

Un altro motivo per cui mi sento di consigliare Mailerlite è la accademy interna. C’è una bella collezione di video corsi che formano all’utilizzo dello strumento e sull’email marketing in generale.

Certo è che qualche cosa lasciando Mailchimp ho perso...e cioè l’integrabilità nativa con tantissimi strumenti, fra cui il CRM. Nulla che non si possa supplire con Zapier o qualche integrazione, ma è vero che Mailchimp è lo standard, il punto di riferimento. 

Un’altra cosa che spero migliori con le prossime releases è la reportistica. Devo dire che c’è tutto ma non è proprio distribuito in maniera intuitiva. Il rischio è che ci si perda a fare drilldown nei dati senza però avere accesso rapido a delle azioni correttive da poter fare, specialmente sui bouche hard o soft che siano. Quindi rete di partnership e reportistica da migliorare per MailerLite.

Note

Se vuoi provare Mailerlite puoi accedere al trial gratuito da qui.

5 comments on “Mailerlite: l'alternativa economica e potente per l'email marketing”

  1. Ottimo post e ottima dritta su questo strumento. Non ne ero a conoscenza e cercavo qualcosa di economico e che allo stesso tempo potesse darmi degli automatismi.
    La versione a pagamento é comunque abbastanza economica.
    Lo testeró sicuramente 🙂

  2. Ho scoperto Mailerlite quando tutti segnalavano solo mailchimp. Oggi é ancora la mia scelta preferita in quanto é stato perfezionato con il nuovo autoresponder. Una delle motivazioni che mi ha spinto a sceglierlo é il piano free fino a 1000 contatti, ma oggi penso che non abbia nulla da invidiare agli strumenti piú noti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

- 27 Giugno 2022

Segnalazione Centrale Rischi: cosa fare? Come cancellarla?

Cosa fare quando si scopre una segnalazione in centrale rischi che non sarebbe dovuta esserci.
- 20 Giugno 2022

Lead Qualification: Correggere la Lead Generation quando i Contatti sono Scadenti

Cosa fare quando dalla Lead Generation arrivano solo lead scadenti? Vediamo come sfruttare le la lead qualification per correggere a monte la Lead Generation.
- 13 Giugno 2022

COME CREARE un BRAND da ZERO

Costruire un brand e ritagliarsi uno spazio nel mondo dell'eCommerce: la storia di Double U Frenk ci insegna a non mollare mai.

ENTRA NELLA COMMUNITY
Iscriviti alla newsletter e ricevi l'invito al Gruppo riservato agli ascoltatori del podcast.

crossmenu