Gestione Risorse Umane

Gestione Risorse Umane: Se le Cose non Funzionano la Responsabilità è Tua o Loro?

Scritto da Giorgio Minguzzi il 25 Maggio 2020

La Gestione delle Risorse Umane non è una cosa facile.
A volte però esistono strumenti che la possono semplificare.
Oggi parleremo proprio di uno di questi strumenti.
Parleremo infatti di un questionario che anche io ho fatto e che mi ha rivelato aspetti del mio carattere e delle mie potenzialità che non avrei saputo esprimere con la stessa precisione.

Ti è piaciuta la puntata? Dillo su Twitter.

Ascolta il podcast dove preferisci

Premi subscribe (è gratis!) utilizzando la tua app preferita.


Questo questionario mi ha fornito idee e suggerimenti sulle aree su cui era necessario lavorare. Infatti ne ho approfittato in questi giorni di “clausura” per passare subito all’azione per lavorarci.
Attenzione però, non parliamo solo di un questionario standard, la consegna è parte integrante del risultato. Approfondiremo meglio questo aspetto, cioè di come non sia solo una mera compilazione, ma la spiegazione dei risultati sia fondamentale per il miglioramento della Gestione Risorse Umane.
Lo dico perché la consegna del questionario è stata entusiasmante, sentirsi descrivere da uno sconosciuto così bene, a me ha lasciato di stucco. Così mi è venuta l’idea di poter chiedere a chi è stato protagonista di questo passaggio di parlarne liberamente in una puntata, perché un strumento così, nella Gestione Risorse Umane è una bomba. Può evitare un sacco di grattacapi.
È per questo ho invitato Fabio Rorhich, imprenditore e partner di OMS open source management, azienda di consulenza aziendale specializzata nella gestione delle risorse umane. Fabio aiuta gli Imprenditori ad Ottenere il massimo dalle risorse umane e oggi ci racconterà cosa sta dietro questo fantomatico questionario.

Questionario Gestione Risorse Umane

Fabio, un amico mi ha detto che prima di lavorare con lui dovevo fare un QUESTIONARIO che misura in qualche modo la mia produttività. Lì per lì la cosa mi ha fatto girare un po’ le scatole poi però è scattata la curiosità. Non ne avevo fatti molti e di quei pochi fatti non ho mai visto i risultati. Invece questa volta mi son detto. “ma quando mi ricapita!” – così ho accettato. Da dove salta fuori questo questionario e solitamente chi lo commissiona?

Guarda Giorgio, capisco che la cosa possa risultare strana, anche a me la prima volta che me l’hanno sottoposto ho arricciato il naso. Il questionario si chiama I-Profile ed è uno strumento affinato in oltre vent’anni di ricerca sulla gestione delle risorse umane e affiancamento alle aziende. Oggi viene utilizzato da aziende di tutto il mondo.
Grazie a questo strumento che misura i dieci ingredienti che determinano la produttività di un individuo, siamo in grado di fornire indicazioni efficaci su come massimizzare le performance di ciascuna persona.
Viene quindi commissionato da imprenditori che vogliono aumentare le loro performance, oltre a quelle dei loro collaboratori.

Nel fare il questionario spesso mi sono sentito un po’ a disagio perché alcune domande avrebbero meritato un approfondimento. Avrei voluto chiedere “ma questa situazione me la puoi spiegare meglio?” Mi potresti dare due dettagli in più? Il questionario funziona ugualmente anche così?

Prova il questionario sulle risorse umaneGuarda, se fossero molto più lunghe ti costerebbe 100.000 €.

Le risposte vengono incrociate dal sistema nel suo “sottobosco”, per cui alla fine il risultato è un mix. Non vengono prese in considerazione le singole risposte.

La validità dello strumento? Il questionatrio iprofile è uno strumento molto efficace durante il processo di reclutamento e selezione delle risorse umane. Ha ottenuto uno dei più alti coefficienti di Validità, .75, sul mercato, come dimostra uno studio condotto negli Stati Uniti nel 2014 dal Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti, che definisce la «validità» come riferita alle caratteristiche che il test misura, ed a quanto bene il test misura tali caratteristiche. La «validità» indica che vi è un legame tra le performance del test e le performance lavorative. Ti dice cosa puoi concludere o prevedere sul comportamento di qualcuno dal suo punteggio sul test. Prevede con una certa esattezza le performance necessarie per ricoprire con successo una certa mansione. La validità è misurata con un parametro numerico «R» tra 0 e 1.00. I coefficienti di validità raramente superano R= .40. Test con coefficienti di validità da .21 a .35 sono tipici di un buon test.

C’è modo di fregare il questionario? O meglio, conoscendo l’imprenditore di “pilotare” le risposte per far virare i risultati.

Diciamo che ci sono dei sistemi di controllo, per cui se vengono forzata alcune risposte il risultato non è attendibile e il software lo segnala. Comunque, come hai detto tu, i risultati vengono poi consegnati alla persona da un consulente formato per questo, e quindi vengono discussi. Diciamo che non conviene a nessuno “barare”, perchè i risultati non servono a giudicare la persona (cioè se è cattiva o buona, giusta o sbagliata) ma ad aiutarla. Il questionario funziona solo se viene consegnato e discusso con la persona, così da verificare come migliorare alcuni tratti che limitano in qualche modo la produttività della persona.

Ok, ora abbiamo fatto il questionario che aiuta alla gestione delle risorse umane. Io ci ho messo un po’ a farlo. Ci spieghi concretamente però a cosa serve?

Come ti dicevo, il questionario serve per mappare il comportamento che le persone hanno messo in atto negli ultimi 2 anni circa, e che le hanno portata a raggiungere i risultati ad oggi.

I-Profile è un qeustionario per la gestione risorse umane che può essere utilizzato in tre differenti contesti:

  • Manager e titolari d’azienda: Scopri come valorizzare al massimo le tue capacità manageriali, di leadership e di gestione dei collaboratori. Scopri quali sono i tuoi punti di forza e i punti su cui dovresti lavorare per ottenere ciò che più ti sta a cuore con meno fatica.
  • Ricerca e selezione del personale: Trova, con un metro di valutazione oggettivo, persone motivate e capaci di inserirsi perfettamente nelle dinamiche lavorative di un’azienda, producendo valore tangibile. Trova i migliori talenti presenti sul mercato.
  • Gestione delle persone: Scopri come ottenere il massimo dai tuoi attuali collaboratori motivandoli e organizzando al meglio i processi produttivi. Non valuta esclusivamente la produttività nel breve periodo, ma consente una previsione a lungo termine del valore assicurato da ciascuna risorsa presente in azienda.

Mi hai consegnato i risultati. E c’erano delle competenze, delle skill e un banale grafico a barre. A prima vista non sapevo leggerlo, ma quando me lo hai spiegato sono rimasto colpitissimo perché mi sono ritrovato perfettamente, anzi alcune cose erano dette così bene che io non avrei saputo esprimere. Quanto è merito del questionario e quando è merito tuo che lo presenti?

Come dicevamo, è fondamentale che ci sia qualcuno che ti consegna i risultati, sia per comprendere come alcuni atteggiamenti “limitano” la persona lavorativamente, sia per aiutare la persona a migliorare quei comportamenti. Diciamo un 50-50. Se la consegna non viene fatta bene tutto il lavoro verrebbe vanificato. E se non ci fosse questo strumento sarebbe difficile far ottenere un risultato ad una persona. Immagina se una persona avesse il questionario un pò basso come reagirebbe….
Giusto per far capire agli ascoltatori di cosa parliamo, il grafico mostra i risultati del questionario. È un grafico con colonnine numeriche che va da +100 a -100 e mi dice, appunto, dove la persona è forte e dove deve migliorare.

Ora fra le barrette che andavano su e giù ovviamente c’erano punti di forza e punti di debolezza. Il questionario può avere un senso anche singolo, intendo, può valer la pena di farlo per noi stessi in modo da poter migliorare delle aree in cui si è deboli.

Assolutamente sì, molti liberi professionisti lo fanno. Anche qualche influencer youtuber l’ha fatto. E’ comunque fondamentale che venga consegnato da chi è addetto, perchè la lettura è complessa e i risultati vengono studiati attentamente prima della consegna. Abbiamo un manuale per la lettura e consegna dell’i-profile di più di cento pagine.

Mi parli di abitudini: quanto sono importanti le abitudini ?

Diciamo che noi siamo il risultato dei comportamenti che abbiamo messo in atto negli ultimi anni. I nostri comportamenti ci hanno portato a raggiungere obiettivi, o a non raggiungerli a volte.
Infatti iprofile misura alcuni comportamenti, tipo quanto ascolto le persone, o quanto sono autodisciplinato, o motivato.

Fra le abitudini che il questionario fa emergere, quali sono le abitudini vincenti di un imprenditore ? E di un manager che gestisce le risorse umane?

Diciamo che con i-profile possiamo aiutare l’imprenditore a gestire meglio i collaboratori e a motivarli e a delegare. I tratti importanti sono la leadeship, l’automotivazione, l’empatia e la proattività. Ci vuole un buon mix di queste cose. Il bello di i-profile è che io ti do gli strumenti per migliorare proprio dove sei carente. Quindi è molto pratico.

Ora se dovessi assumere qualcuno, quanto contano le hard skills e quanto le soft skills nella gestione risorse umane?

Dipende dal ruolo, ma generalmente le soft skills sono più importanti. Ti faccio un esempio: posso avere una persona che è brava a programmare ma h aun pessimo carattere, quindi farei fatica a confrontarmi con lei… oppure potrei avere un tecnico molto bravo ma che non sa delegare ed è disorganizzato, e che quindi mi creerebbe problemi dai clienti e non farebbe crescerei propri uomini. Oppure ancora potrei avere un venditore che sa tutto tecnicamente del prodotto ma non è assertivo e non riesce a chiedere gli acconti.
Quindi in ruoli di responsabilità e coordinamento di un team, doti quali la leadership e la gestione dei conflitti risultano di assoluto rilievo in quanto impattano direttamente sul risultato del lavoro non solo di una ma di tutte le figure facenti parte dello stesso team.

Ora che la trasformazione del lavoro ha subito un’accelerazione, quali sono le caratteristiche che andrei ad investigare prima di assumere un nuovo dipendente?

L’autodisciplina è fondamentale, perchè mi dice quanto una persona è responsabile e porta a termine i lavori senza essere continuamente stimolata. Significa che durante lo smart working ho più certezza che faccia le cose che deve fare. Un altro tratto importante è l’automotivazione: ci sono molti imprenditori che mi chiedono come motivare i propri collaboratori che sono a lavorare da casa e sono un pò spenti : con il sistema i-profile posso da un lato sapere se il mio collaboratore è motivato e come motivarlo di più, dall’altra parte posso dare le armi all’imprenditore per gestirlo al meglio.
VEdi, ogni persona è diversa ed ognuno di noi reagisce agli stimoli in maniera differente. Non è detto che lo stile di leadership che funziona con una manager funziona con un altro.
Il profilo che esce dal questionario mi fa capire come interagire con la persona e aiutarla a rendere di più.

Certo che uno strumento così è utilissimo. Se usato a tappeto risparmierebbe tantissimi problemi nella gestione risorse umane, non solo con i dipendenti ma anche fra soci. Tu ti metteresti con uno che ha un profilo che entra sempre in scontro con te? Quanto costa questa sfida perenne alla tua azienda?

Esatto, è proprio così. Il costo della non qualità è altissimo: avere un venditore che arriva in ritardo agli appuntamenti è un problema , con i-profile posso aiutarlo a risolverlo. Prima di assumere qualcuno posso sapere se è “adatto” a quel ruolo, e soprattutto come il suo comportamento andrebbe ad inseririsi nel team. Lo stesso ovviamente vale per i soci. Abbiamo una associazione di volontari INSS che aiuta gli imprenditori che stanno fallendo: una delle cause principali per cui le aziende falliscono è il dissapore fra soci ai vertici. Sapere chi ti porti in casa prima, è meglio. Il questionario mi identifica lo sforzo che devo fare in termini di tempo e denaro per rendere operativa la persona.

Quanto costa i-profile?

Abbiamo diverse formule e soluzioni, diciamo che si va da un centinaio di euro fino a qualche centinaia.

Aiutaci a far crescere il podcast!

Ti è piaciuta la puntata di oggi? Lascia la tua recensione su iTunes e iscriviti al podcast.

Se ascolti MERITA BUSINESS PODCAST su Stitcher o altre piattaforme puoi lasciare la tua recensione seguendo queste istruzioni. Grazie!

Fai conoscere MERITA BUSINESS PODCAST ai tuoi follower su Twitter!
Condividi il podcast

Note della puntata

Vuoi saperne di più sul questionario? So che potreste essere interessanti a farlo voi o a soministrarlo ai vostri collaboratori. Per praticità è stata realizzata una landing page che avrà il compito di mettervi in contatto con Fabio in maniera ordinata. I dati che quel form raccoglie serviranno solo a questo e non verranno usati per altro. La pagina la trovate qui.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che Nessuno Ti Dice sulle Aziende Data-Driven

Quello che Nessuno Ti Dice sulle Aziende Data-Driven

13 luglio 2020
Tecniche di Persuasione: il limite che è meglio non oltrepassare

Tecniche di Persuasione: il limite che è meglio non oltrepassare

22 giugno 2020
Arbitraggio Criptovalute: Guadagno Certo e Rischi di questo Passive Income

Arbitraggio Criptovalute: Guadagno Certo e Rischi di questo Passive Income

01 giugno 2020