Collaboration tool gratis e semplici da usare

Freedcamp: collaboration tool, project management, to do list & co. (gratis o quasi…)

Scritto da Giada Centofanti il 16 gennaio 2017

Oggi parliamo di Freedcamp, una app per il project management, o meglio – per dirla con il fondatore e CEO Angel Grablev – “un sistema di collaborazione che aiuta qualunque tipo di team a lavorare su qualunque genere di progetto”.

Ti è piaciuta la puntata? Dillo su Twitter.


Insomma un sistema di task-management, to do list, liste della spesa, assegnazione compiti, raggiungimento milestone, e così via…
Freedcamp: to do list e collaboration tool gratis o quasi...

Io ho sempre usato Basecamp….questo è un antagonista?

L’obiettivo di Freedcamp è l’accessibiità, non solo in termini economici, ma anche in termini di semplicità. Nasce infatti da un’intuizione di Grablev che anni fa si trovò a dover organizzare una gita con gli amici e provò Basecamp, un altro tool molto noto di project management. Gli amici di Grablev trovarono Basecamp troppo complicato e gli chiesero di gestire tutto via mail. A quel punto Grablev pensò “devo costruire qualcosa di semplice che consenta a tutti di organizzare anche il progetto più banale”. E questo è anche il motivo per cui Freedcamp ha una versione base, molto solida, gratuita. Freedcamp però ha una forma modulare ed è quindi espandibile a seconda delle esigenze, tant’è vero che la app viene usata da aziende come airbnb, PayPal e Google.

Entriamo un po’ più nel dettaglio e vediamo a grandi linee com’è strutturata ti questo strumento di project management?

Nella app possiamo creare dei gruppi nei quali riunire vari progetti. All’interno di ciascuno progetto potremo creare dei task e dei subtask e volendo raggrupparli in gruppi di task. Visivamente, in ciascun progetto ci sono delle tab, quelle di base sono:
Tasks, che contiene appunto tutti i task assegnati a ciascun membro del team, visualizzabili come una lista oppure come una kanban board molto semplice con tre colonne “No progress”, “In progress”, e “Completed”;
Discussions, in cui ciascun membro del team può scrivere e rispondere a messaggi;
Files, in cui si possono caricare file di vario tipo e raggruppare in cartelle. Nel piano gratuito non c’è limite di storage ma ciascun file non può pesare più di 10Mb;
Calendar, in cui possiamo visualizzare tutti i task per i quali abbiamo impostato una scadenza ma anche inserire eventi e che possiamo sincronizzare con Google Calendar.
Freedcamp: task manager gratuito
Dopodiché ci sono una serie di add-on, alcuni gratuiti e altri attivabili solo con i piani a pagamento. Fra quelli gratuiti, secondo me ce ne sono due molto interessanti: Milestones, che ci consente appunto di impostare e calendarizzare degli obiettivi fondamentali, e Time, che serve per tracciare il tempo speso a lavorare sulle varie attività, si può inserire manualmente un periodo di tempo oppure si può far partire il timer e stopparlo quando si finisce.

Come siamo messi ad integrazioni? Si aggancia a qualche cosa?

Fra le integrazioni previste nei piani a pagamento per esempio c’è quella con Google Drive, e c’è Invoices+ che ci consente di gestire le fatture, sfruttando anche l’add-on Time.

Il numero di utenti e di team è illimitato, anche nella versione gratuita, mentre quello che cambia nei piani a pagamento sono i limiti di Mb per l’upload dei file, le integrazioni e il tipo e la velocità nel supporto. Si tratta comunque di prezzi avvicinabili: si parte dalla versione Lite a 4$ al mese per proprietario più 1$ al mese per ogni utente attivo e si arriva alla versione Enterprise personalizzabile anche come costi, passando per la versione Business a 8$ al mese per ciascun utente.

Aiutaci a far crescere il podcast!

Ti è piaciuta la puntata di oggi? Lascia la tua recensione su iTunes e iscriviti al podcast.

Se ascolti MERITA BUSINESS PODCAST su Stitcher o altre piattaforme puoi lasciare la tua recensione seguendo queste istruzioni. Grazie!

Fai conoscere MERITA BUSINESS PODCAST ai tuoi follower su Twitter!
Condividi il podcast

Note della puntata

Maggiori informazioni sulla app si possono avere sul sito ufficiale di Freedcamp.
Potete scaricare Freedcamp dall’iTunes Store.
Sistemi supportati: iOS, web e da marzo arriverà anche l’app Android.
Prezzo: gratuito e piani a pagamento da 4$/mese, 8$/mese o personalizzati sulle esigenze.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Professional Organizer: un aiuto per gestire il tempo e organizzarsi meglio

Professional Organizer: un aiuto per gestire il tempo e organizzarsi meglio

20 novembre 2017
Il Venditore Vincente su Internet inizia dal Social Listening

Il Venditore Vincente su Internet inizia dal Social Listening

13 novembre 2017
Come avere più follower su Instagram di Belen Rodriguez

Come avere più follower su Instagram di Belen Rodriguez

06 novembre 2017