Caratteri Scrittura: Caring Marzaro ci spiega i font

Caratteri Scrittura: come scegliere i migliori font per il tuo progetto

Scritto da Giorgio Minguzzi il 16 Luglio 2018

Oggi parleremo quindi di caratteri di scrittura, di calligrafia, che al pari dell’India e delle sostanze per “aprire” la mente, riusciva a catturare l’immaginazione del giovane Steve Jobs. A 17 anni nel 1972, quattro anni prima di avviare la Apple, Steve Jobs si iscrisse al Reed College a Portland in Oregon. Da vero anticonformista scelse già una delle università più anticonformiste e costose degli Stati Uniti (la retta degli interni tocca i 50mila dollari l’anno che per quei tempie erano una cifra ancora più astronomica.
Ascolta “Caratteri Scrittura: come scegliere i migliori font per il tuo progetto” su Spreaker.
Ti è piaciuta la puntata? Dillo su Twitter.

Ascolta il podcast dove preferisci

Premi subscribe (è gratis!) utilizzando la tua app preferita.

Ma al giovane Jobs gli studi gli sembravano una grande perdita di tempo e di denaro dei genitori e così decise di abbandonare i corsi per frequentarne un solo, quello di calligrafia. Lo stesso Jobs ricorda così quella scelta: “Ho abbandonato il Reed College dopo appena sei mesi. Però, prima di lasciare definitivamente la scuola mi sono imbucato in un corso per altri diciotto mesi”.

Caratteri Scrittura: Carin Marzaro
Che cosa c’era nella scrittura dei caratteri, nella calligrafia che illuminava Steve Jobs?
Come viene scritto nella sua biografia, ad affascinare era l’equilibrio tra il bello e l’utile, tra la forma e la funzione che poi è ciò che definisce il design.
Ora Steve Jobs è un’icona, ma chi non è rimasto affascinato almeno una volta nella vita dalle font. Chi non si è interrogato se quei caratteri nel logo aziendale fossero in grado di rappresentare a pieno il significato custodito dalla propria azienda? Chi non ha pensato se quei caratteri di scrittura fossero corretti per il suo biglietto da visita?
Io penso davvero moltissimi!
Insomma, oggi parliamo di caratteri scrittura e calligrafia. E lo facciamo con Carin Marzaro una bravissima illustratrice che vive vicino Udine e che fa dei lavori bellissimi.

Prima di capire come si scelgono i font giusti per un progetto (sito, biglietto da visita, volantino…) ci aiuti a conoscere un po’ meglio il magico mondo dei font? In particolare nella mi aesperienza tornano una serie di termini dei quali ignoro il vero significato. Mi dai una mano a fare chiarezza cosa vuol dire:

  • Blackletter
  • Calligraphic o Calligraphy
  • Celtic / Medieval
  • Comic / Cartoon
  • Handwriting
  • Monospaced / Fixed Width
  • Pixel
  • Retro
  • Sans Serif
  • Serif
  • Stencil / Army
  • Typewriter
  • Western


Carin MarzaroVero, nella maggior parte dei siti di font troviamo elenchi infiniti che li suddividono in categorie fin troppo fantasiose.

La classificazione più comune dei caratteri tipografici deriva dalla loro evoluzione e possiamo distinguere cinque/sei macro-categorie.

L’elemento rispetto al quale distinguiamo le categorie di caratteri, e ne identifica la collocazione storica, è la grazia ovvero il terminale di raccordo delle aste che compongono le lettere.

Il disegno del carattere era definito dalla tecnologia con cui era eseguita la scrittura, influenzano il tratto e la forma delle lettere.

In un’escalation darwiniana, i primi font che incontriamo sono i Graziati, dotati di grazie, detti anche Romani o Serif.

Prendiamo come punto d’origine i caratteri latini, la cui versione maiuscola deriva dalle iscrizioni su steli e lapidi in epoca imperiale (colonna di Traiano, 114 dc). Qui la funzione delle grazie era tecnica, servivano per “chiudere” le lettere disegnate con scalpello e martello. Questi vengono oggi chiamati Romani Lapidari (es font: Trajan).

I caratteri latini minuscoli, invece, derivavano dalla scrittura manoscritta neocarolingia.

Con il passare del tempo vicende storiche e politiche, le contaminazioni fra i popoli e l’evolvere degli strumenti di scrittura hanno ovviamente influito anche sulla grafia.

Nel 1200, periodo medievale, lo stile calligrafico era il Gotico (Blackletter) il cui disegno è fortemente definito dall’inclinazione della punta della penna d’oca con cui veniva realizzata (aste verticali larghe, tratti obliqui sottilissimi).

Il Gotico si è però rivelato faticoso da leggere all’avvento del processo moderno di stampa.

Quasi tutti conoscono Gutenberg, orafo e tipografo, celebre per essere stato l’inventore della tecnica di stampa industriale moderna per come la intendiamo noi (composta dai caratteri mobili, la composizione della pagina, gli inchiostri di stampa), datata circa 1450.

Da qui in poi si rende necessario un nuovo disegno dei caratteri per la nuova tecnologia: è grazie a Nicolas Jenson che arriviamo ai Graziati Veneziani o Romani Antichi (es font: Jenson, Bembo, Palatino, il Garamond dalla scuola francese).

Evoluzione font: Caratteri di ScritturaA questo punto la stampa non si limita a riprodurre libri ma si applica a locandine, volantini, pubblicità, giornali, ecc.

Le migliorie tecnologiche permettono di raffinare il disegno e nel 1700 approdiamo ai Graziati / Romani Transizionali (es font: Baskerville). Le grazie perdono via via la funzione di raccordo, diventando decorazione, geometriche e sottilissime tanto da render il contrasto tra aste orizzontali e verticali fortissimo, come nei Romani Moderni o Bodoniani (es font: Bodoni, Didot).

Attorno al 1800, contemporaneamente al periodo di scoperte archeologiche ed euforia egittologica, le grazie diventano spesse tanto quanto le aste annullando completamente il chiaroscuro fra le lettere. Sono caratteri dalla personalità forte e dirompente e vengono subito introdotti in ambito editoriale e pubblicitario: ecco quindi gli Egizi o Slab Serif (es: Clarendon, Memphis, Giza, Rockwell).

Chiaroscuri delle lettere e contrasto

Dalla metà del 1800 inizia il processo che porta l’eliminazione delle grazie. L’avvento delle avanguardie artistiche, architettoniche e di design (come la Bauhaus) hanno accelerato lo sviluppo, ridefinendo la struttura e portando a derivazioni modulari e geometriche dell’anatomia del carattere.

Approdiamo ai celebri Sans Serif, senza grazie, detti Bastoni o Lineari.

Trovano immediato e ampio utilizzo in pubblicità, segnaletica, comunicazione, trainati anche dal grande boom causato dalla rivoluzione industriale.

L'anatomia del font - Caratteri Scrittura

Sono estremamente leggibili quando utilizzati con molto bianco intorno e in dimensioni più grandi. L’assenza di grazie e gli spessori otticamente uguali riducono gli elementi identificativi per l’occhio, rendendoli potenzialmente più faticosi da leggere in corpi piccoli e su testi lunghi.

Anche i Lineari si suddividono a loro volta in in Grotteschi (Trade Gothic, News Gothic, Frankling Gothic), Neo-Grotteschi o Transizionali (Akzidenz Grotesk, Helvetica, Univers), Umanistici (Gill Sans, Frutiger) e Geometrici (Avant Garde, Futura).

Dall’introduzione della tipografia digitale abbiamo la possibilità di gestire facilmente anche decine di varianti di font calligrafici che simulano la scrittura manuale e tutto l’universo dei Display (fantasiosi) e Dingbats composti da simboli o pittogrammi.

Ricapitolando, semplificherei in:

  • caratteri Graziati/Romani o Serif;
  • caratteri Egizi o Slab Serif;
  • caratteri Lineari/Bastoni o Sans Serif;
  • caratteri Gotici o Blackletter;
  • caratteri Calligrafici;
  • caratteri Display (stencil, typewriter, retro, comic, ecc) o Dingbats;

Esempi di Caratteri Scrittura

Che cos’è la legibility e in cosa si differenzia dalla readability?

È una diversificazione di significato nel vocabolario inglese che diversifica la “leggibilità”

Con Legibilty si intende la facilità di lettura relativa al disegno del carattere tipografico, con

Readability si intende la chiarezza espressiva di un testo scritto.

In base a cosa un carattere è più o meno leggibile? Quali sono gli aspetti di cui tenere conto quando scelgo un font?

La leggibilità di un carattere dipende da alcune caratteristiche:

  • dalla proporzione dell’occhiello rispetto al corpo del font
    occhiello più grande, più leggibilità;
  • dal contrasto
    l’eccesso o l’assenza di contrasto, differenza di spessore fra le aste verticali e quelle orizzontali, può rendere più difficoltoso il riconoscimento della lettera in corpi piccoli, sotto i 12 punti tipografici;
  • dall’ambiente in cui verrà utilizzato e dalla tecnologia con cui verrà riprodotto
    il colore di fondo su cui viene posizionato un carattere può influire sulla sua resa, attenzione alle combinazioni di colori soprattutto in ambito di new media dove le possibilità sono infinite.
    In ambito di stampa la scelta della carta ha un’enorme importanza, la capacità di assorbire e riflettere l’inchiostro, la texture o le finiture (come la carta vergata, a righine) sono tutti elementi che concorrono.
  • dalla sua dimensione
    anche il carattere meglio disegnato del mondo diventa faticoso da interpretare in corpi troppo piccoli. Ci sono famiglie di caratteri progettati per essere utilizzati esclusivamente a grandi dimensioni (ad esempio per le testate dei quotidiani) che diventano molto poco leggibili portati alla dimensione delle colonne di testo. Un brillante esempio di famiglia di carattere estremamente estesa e progettata per coprire tutti i tipi di utilizzi è il nuovo Eugenio disegnato per il redesign de La Repubblica.

I Graziati sono più scorrevoli e riposanti nella lettura, le grazie aiutano l’occhio a riconoscere la forma della lettera. Motivo per cui sono sono utilizzati per testi molto lunghi e fitti, e li troviamo nei romanzi e nell’editoria letteraria in generale.

I Lineari sono estremamente leggibili quando inseriti in layout molto ariosi e dandogli il giusto respiro; per la loro “freddezza” vengono associati ad informazioni più veloci e tecniche. Ecco perché per testi più tecnici, scientifici, manuali d’uso & co. sono la scelta vincente.

Come faccio a scegliere un font adeguato al mio progetto?

Le cose che vi consiglio di tenere in considerazione PRIMA sono diverse.

  • Per cosa mi servirà, comunicazione stampata o solo digitale?
  • A che dimensione dovrò utilizzare il mio font?
  • Qual è la voce e lo stile comunicativo che devo veicolare?
    Se vendi viti e bulloneria e il tuo target sono i negozi specializzati di ferramenta eviterei di cascare su un Didot, così come se ti occupi di confezionare eleganti e delicati abiti handmade ti sconsiglierei il Futura.
  • In quante lingue dovrò declinare il font?
    Dovrò accertarmi che siano presenti tutti i caratteri speciali di cui avrò bisogno (accenti particolari, dieresi, ecc.).

Delicato font

Quanti font devo scegliere per un progetto?

Alcuni giganti del graphic design hanno come elemento distintivo l’utilizzo di un solo carattere tipografico per i loro lavori, posso citare Massimo Vignelli con l’Helvetica (progettista del sistema visivo della metro di NY), Josef Müller-Brockmann, Wim Crowell, Ag Fronzoni.

Ammiro molto la solidità e l’integrità del loro lavoro, ma la tecnologia ci ha aperto grandi possibilità e al giorno d’oggi non ritengo l’eccessiva limitazione una scelta vincente, anche considerato la stratificazione che la comunicazione ha raggiunto.

Come regola generale consiglio di non associare più di due caratteri tipografici alla volta e, nel farlo, non scegliere mai due font della stessa categoria (Sans Serif con un altro Sans Serif). Si crea ritmo e interesse combinandoli tra loro (Slab Serif/Serif + Sans Serif).

Altro suggerimento è quella di non utilizzare troppe variazioni di dimensioni (pesi) e colori. Definire a monte la struttura del testo (Titolo / sottotitolo / paragrafo) e attribuire una famiglia di carattere e dimensione per ognuno di questi elementi, mantenendolo per tutta la durata della comunicazione.
La semplicità è la scelta vincente anche in questo caso.

Caratteri Scrittura Leggero

Che valore ha la costanza nell’impiego di quei font che ho scelto? Quando è ora di cambiare font?

A molti sembra impossibile che un carattere possa avere tanta importanza, si stupiscono che si possa dedicare tanto tempo nello scegliere la giusta combinazione di font. Dal mio punto di vista, la definizione del sistema di caratteri ha lo stesso enorme impatto di colore e composizione degli elementi nel contribuire a creare un’identità forte e strutturata.

Se scrivo ad esempio “roccia” con un carattere calligrafico la sensazione che inconsciamente ricevo è molto diversa rispetto a scriverlo con un lineare geometrico.

Ogni progetto di comunicazione (evento, azienda, professionista, progetto editoriale) ha delle caratteristiche, uno scopo e un target al quale deve arrivare. Deve dunque trovare la SUA voce, e il carattere tipografico è uno strumento estremamente potente per creare l’identità e conferire personalità ad un progetto.

Un’identità che funziona è un’identità strutturata dove niente è lasciato al caso. La costanza nell’impiego degli elementi che la costruiscono è fondamentale per comunicare efficacemente la tua presenza. È come se la regina d’Inghilterra invece che i suoi soliti meravigliosi tailleur colorati ogni tanto si facesse vedere scompigliata in vestaglia e babbucce, perché per questa volta cosa vuoi che sia.

Font Roccioso

È ora di cambiare un font quando la voce con la quale ti fa parlare non è più la tua voce, quando tu vorresti dire “sono professionale, serio e so perfettamente cosa sto facendo” ti sta facendo dire “sono romantico, amo le peonie e compongo haiku”.

Immagino che i font che uno sceglie li si debba caricare all’interno degli strumenti che si utilizzano, come non fare rallentare le performance del PC?

Stiamo vivendo un momento di transizione: fra librerie nel cloud e gestione in remoto ci sono diverse soluzioni che devono ancora entrare a regime (condivisioni Adobe CC Libraries + integrazione Typekit).

In generale, chi lavora con molti caratteri ha bisogno di gestirli per evitare di rallentare le proprie macchine caricando all’avvio migliaia di famiglie di font. Questo si fa attraverso dei Font Manager che permettono di suddividere i font in cartelle, attivarli al bisogno o di default a seconda di quanto e come ci servono. (Suitcase Fusion, Font Explorer).

Se invece utilizzate e dovete attingere ad un numero ristretto di caratteri, oltre a quelli di sistema, la soluzione più semplice è, una volta acquistate le opportune licenze, installarli su tutti i computer nei quali verrà gestito il progetto.

Caratteri Moderno - Font

Dove li trovo i font giusti?

Direttamente sui siti delle fonderie (si chiamano ancora così, una volta erano le officine che disegnavano e fondevano i caratteri in piombo, ora sono Digital Foundry!) o su aggregatori come MyFonts.

Per avere uno sguardo su cosa sta succedendo nel mondo della Typography consiglio https://www.typewolf.com/ e https://ilovetypography.com/

Molti font scaricabili gratis sono parziali oppure hanno dei disclaimer particolarmente complessi. Come possiamo essere davvero certi di poter fare un progetto con quei caratteri?

Già, fino a qualche tempo fa i font gratuiti erano molto brutti o incompleti. Mancavano spesso glifi fondamentali come i caratteri accentati. Ad oggi l’offerta dei font Open Source è molto aumentata sia numericamente che qualitativamente, questo permette a tutti di poter scaricare legalmente e utilizzare font discreti anche per progetti commerciali (si intendendo tutto ciò che è a scopo di lucro). In generale, ogni font porta con sé una licenza che ne specifica l’uso nel dettaglio. Accertiamoci sempre di prenderne visione per evitare di incorrere in inutili e costose infrazioni di copyright.

Aiutaci a far crescere il podcast!

Ti è piaciuta la puntata di oggi? Lascia la tua recensione su iTunes e iscriviti al podcast.

Se ascolti MERITA BUSINESS PODCAST su Stitcher o altre piattaforme puoi lasciare la tua recensione seguendo queste istruzioni. Grazie!

Fai conoscere MERITA BUSINESS PODCAST ai tuoi follower su Twitter!
Condividi il podcast

Note della puntata

Se vuoi rimanere in contatto con Carin Marzaro puoi guardare il suo sito web carinmarzaro.com.
Oppure puoi optare per Instagram, Linkedin e Behance

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Instagram Hashtag: come scegliere quelli giusti e metterli nelle foto e nelle Instagram stories

Instagram Hashtag: come scegliere quelli giusti e metterli nelle foto e nelle Instagram stories

17 dicembre 2018
Come funzionano i Bitcoin e cosa posso farci in concreto

Come funzionano i Bitcoin e cosa posso farci in concreto

10 dicembre 2018
Telegram come funziona e come posso promuovere il mio canale

Telegram come funziona e come posso promuovere il mio canale

03 dicembre 2018