Arbitraggio Bitcoin

Arbitraggio Criptovalute: Guadagno Certo e Rischi di questo Passive Income

Scritto da Giorgio Minguzzi il 1 Giugno 2020

Oggi parliamo di arbitraggio di criptovalute. Un passive income che sto testando da alcuni mesi e sta funzionando.
Ma non è tutto oro quello che luccica, c’è sempre un rischio in questo tipo di attività che è da tenere in considerazione.

Ti è piaciuta la puntata? Dillo su Twitter.

Ascolta il podcast dove preferisci

Premi subscribe (è gratis!) utilizzando la tua app preferita.


Perciò voglio fare una premessa e specificare che in questa puntata non si danno consigli finanziari. Quello che sentirete, che so interesserà diverse persone è semplicemente il racconto personale di un esperimento, di un test che ho fatto alla ricerca dei desiderati passive income. Un test che per ora ha un certo successo, e che voglio semplicemente raccontare senza fare pubblicità niente e a nessuno.

Chi non è proprio uno sprovveduto lo sa già: il puro passive income è una miraggio. Tutti lo desiderano, tutti lo cercano ma quando si pensa di averlo trovato si resta delusi perché è connesso ad un certo rischio o a un cospicuo lavoro che fa sembrare tutto questo “income” molto molto poco passivo.

Arbitraggio Criptovalute - Ferdinando Vighi

Diciamo però che molti dei tentativi che ho fatto in passato (affiliate, self-publishing, etc…) per darmi guadagni hanno richiesto parecchio lavoro e un certo rischio di impresa. Questa volta ho testato una strada che mi ha richiesto un piccolo capitale iniziale e un rischio, senza farmi consumare tempo e sudore.

Webinar Arbitraggio CriptovaluteA tenerci compagnia oggi ci sarà Ferdinando Vighi, Ferdinando che ha una società di consulenza di marketing e da inizio 2019 da deciso di approfondire la conoscenza dell’Intelligenza Artificiale a servizio del marketing e della comunicazione. E per ragioni che lui stesso vi racconterà ha deciso di approcciare il mondo dell’arbitraggio e del trading attraverso dei bot in grado di aiutare anche chi non è un esperto a lavorare con profitto.

Quando Ferdinando mi presentò questa opportunità nella mia testa si affollavano questi pensieri:

  • ma è impossibile che funzioni
  • sarà l’ennesimo schema ponzi

Mi dicevo: “ecco, l’ennesima bazza che ti presenta un amico che è finito in un sistema piramidale ignaro del rischio che corre si rovina i rapporti con amici e parenti”.

Ho così cominciato ad essere sospettoso e a declinare senza nemmeno capire la proposta.

Vuoi un guadagno passivo, davvero passivo? Guarda il webinar connesso con questa puntata e scarica il pdf con i link utili

Però Ferdinando è una persona seria e di pacchi, tutti le volte che abbiamo collaborato, non me ne ha mai tirato nessuno, perciò visto che lui continuava a “testare” sono rimasto a guardare convinto di vederlo tornare con le pive nel sacco. E invece…ogni settimana aveva una novità da raccontare.
Ecco perché lo accogliamo su Merita, perché voglio che racconti cosa sta imparando dai bot automatici (algoritmi – intelligenza artificiale) operativi nelle cryptovalute, nel forex e nelle commodities.

Arbitraggio Criptovalute

Ferdinando, raccontaci come è iniziata la tua avventura in questo mondo.

Permettimi prima di passare alla tua prima domanda, di fare una sorta di “Disclaimer” molto importante rivolto agli ascoltatori di MERITA.
Io NON sono un esperto o consulente finanziario ma più semplicemente, sono una persona che sta tutt’ora sta approfondendo in autonomia il funzionamento del mondo del trading riferito a Cryptovalute, Forex e Commodities. Un mondo molto difficile e con tanti rischi per chi come me, non si ritiene in grado di diventare un vero professionista e per questo, cerca di capire se e come farsi aiutare dalla tecnologia. Le informazioni quindi che fornirò, sperando di non dire delle stupidate, sono semplicemente un chiarimento sulla tecnologia che sto imparando a conoscere e che è alla base del trading automatico di valute, dell’arbitraggio di criptovaluta e le possibili opportunità che io vedo nell’operare con questa tecnologia. Quanto dirò e quanto discuteremo oggi, NON DEVE ESSERE CONSIDERATA COME UNA CONSULENZA DI INVESTIMENTO O CONSULENZA FINANZIARIA per due motivi. 1) io non sono un consulente finanziario 2) le informazioni vengono fornite in forma generale senza conoscere la specifica situazione personale e finanziaria del singolo ascoltatore.
È importante essere consapevoli che ogni tipo di investimento comporta un certo rischio causa il quale è possibile perdere parzialmente o totalmente i propri soldi

Togliamo subito la pietra d’inciampo, chiariamo subito il temine incomprensibile che ho appena citato: che cosa è l’arbitraggio di criptovalute?

Arbitraggio CriptovaluteIl mercato delle criptovalute è un mercato denominato in gergo tecnico “Over the Counter” (OTC) ovverosia, un mercato che non possiede i requisiti riconosciuti ai mercati regolamentati (Forex, ad esempio) e per questo le negoziazioni si svolgono al di fuori dei mercati borsistici ufficiali.
In breve, la quotazione delle criptovalute (BTC in testa ma non solo) avviene soltanto secondo il principio dell’incontro tra domanda e offerta e per questo, il loro valore cambia continuamente e in modo decorellato rispetto alle borse mondiali.
Le criptovalute sono soggette ad una forte volatilità di prezzo anche nell’arco di minuti o pochi secondi per questo, possono portare a interessanti guadagni o forti perdite.
Un arbitraggio avviene quando per fare un esempio molto semplice, è possibile acquistare una criptovaluta su un Exchange X a prezzo 10, e venderla subito dopo su un altro Exchange Y a prezzo 11 … questa differenza di 1 è il margine di profitto.
Sembra tutto semplice invece, così non è.
La volatilità e i cambi sono i rischi maggiori perché di solito, se le operazioni di acquisto > vendita non avvengono in contemporanea (tempi velocissimi), si corre il serio pericolo di vedere scendere rapidamente il valore di una criptovaluta che alcuni secondi prima poteva portare un profitto. Spero di essermi spiegato bene …

Quindi, se ho capito bene, se io faccio questi scambi velocissimi, posso sfruttare la caratteristica di un mercato giovane e non regolamentato. Ma come faccio ad essere così veloce? Umanamente potrò fare una operazione…due operazioni….ma non è sostenibile. Come fai tu?

Esatto! Ho imparato nel mio attuale percorso formativo che la rapidità (non solo) nell’arbitraggio è caratteristica fondamentale di successo. Per questo motivo, visto le mie scarse capacità operative su questi mercati e allo stesso tempo, volendo capire se e come fosse stato possibile fare arbitraggio anche per uno come me (penso anche come centinaia di migliaia di persone con il mio stesso problema e le mie stesse paure), ho deciso di approfondire la conoscenza della tecnologia e nello specifico, di BOT Automatici in grado di svolgere in modo attendibile l’Arbitraggio di Criptovalute.

Quindi se ho capito bene, grazie al lavoro in team di tecnici, ingegneri e trader professionisti nello sviluppo di specifici BOT, anche supportati dall’intelligenza artificiale, posso sfruttare questa opportunità. Bene, magari chi ascolta lo vuole fare, ma non è che vendono dei BOT simili tanto al chilo. Come funziona esattamente il bot di arbitraggio per uno che vuole guadagnare e soprattutto quanto rende?

Lo sviluppo di un BOT, lo dico anche per esperienza personale in quanto collaboro con chi sviluppa BOT/ASSISTENTI VIRTUALI evoluti per le attività di marketing e per la gestione dei processi produttivi aziendali, è il risultato di un delicato lavoro in team (ingegneri, sviluppatori e specialisti).
Sul mercato effettivamente come hai detto tu, ho trovato diversi BOT venduti “tanto al chilo” o perlomeno, in modo molto semplicistico. Per quanto mi riguarda, ho iniziato a seguire dal Giugno 2019 i BOT sviluppati da un’azienda spagnola e oggi, sto seguendo un test di un BOT di Arbitraggio 100% Automatico, collegato via API a diversi Exchanges, che opera su più coppie di criptovalute e soprattutto, produce solo operazioni a profitto sull’accumulo di BTC. Nel test che sto seguendo, con piccoli importi versati su soli 4 Exchanges e lavorando solamente su 12 criptovalute, si è arrivati a produrre oltre 50 operazioni al giorno di arbitraggio … piccoli arbitraggi in termini di valore, ma sempre a profitto. In questo caso, come diceva Totò, è “la somma che fa il totale”.

Arbitraggio Bitcoin

I rendimenti, se i BOT come in questo caso lavorano bene e addirittura a profitto sull’accumulo di BTC, sono decisamente molto appetibili. Se investo in banca e faccio che ne so…un 7% all’anno mi dicono la persona che mi segue si fa i complimenti da solo “hai visto come siamo bravi”. Il fatto che spesso i rendimenti sono molto inferiori, e comunque si dicono bravi da soli. Quindi questi sono rendimenti spaziali, mi domando però quali rischi ci sono. Non è che mi fottono tutte le cripto e scappano?

Rendimenti certamente interessanti. Non userei il termine “spaziale” perché a me come tu ben conosci, non mi piacciono le persone che urlano “ricchezze in pochi giorni” anzi, li ritengo molto pericolosi.
I rischi che io vedo, ed è un parere personale, sono due:

  • Rischio emittente: gli exchanges nei quali hai messo tuoi investimenti chiudono e per questo le tue criptovalute potrebbero sparire. Per tutelarsi il più possibile da questo, esperti e professionisti mi hanno consigliato di lavorare sugli Exchanges più capitalizzati e storici.
  • Rischio BOT: in questo caso, non rappresenta una perdita economica in termini pratici come il rischio emittente ma bensì, un disagio operativo in quanto se il BOT non dovesse essere sempre aggiornato o addirittura, terminare il suo sviluppo, ti vedresti costretto a virare su un altro BOT, sperando di trovarne uno attendibile a livello qualitativo oppure, come farei io, togliere le criptopvalute dagli exchanges mettendole al sicuro da altra parte.

Detto questo, una considerazione che ognuno di noi deve fare e della quale deve esserne consapevole è: “il rischio zero NON esiste”.
Questo vale per ogni mercato finanziario regolamentato e non.
Il rischio, come dicono i professionisti, deve essere parte integrante di ogni investimento che vuole creare dei veri “attivi” ovverosia, far lavorare i soldi per te, e non viceversa.

Da quando tu mi dicesti di questa opportunità io sono andato a guardare sul web e ho cominciato a cercare informazioni. Andando a studiare meglio la cosa, ho capito il meccanismo e ho capito che era possibile anche che funzionasse. Ma studiando ho avuto un ostacolo da superare, voglio parlarne con franchezza perché so che i miei ascoltatori sono molto simili a me e sono sicuro che avrebbero gli stessi problemi anche loro. E l’ostacolo più grande che ho avuto è che se cerchi queste soluzioni trovi di tutto. Ve ne sono tantissime. Ne ho viste di tutti i tipi. Alcune si vede lontano un miglio che sono delle truffe o degli schemi ponzi, su altre non mi esprimo, ciascuna ha una caratteristica che la rende unica. Ma non pensavo fossero così tante. Come ci si orienta?

Parlo ovviamente a titolo esclusivamente personale che, ovviamente, è assolutamente opinabile.
Possibilmente gestire direttamente i propri soldi senza sottostare a troppi vincoli che vengono dettati ad esempio, da chi gestisce investimenti altrui. In questo caso, i Ponzi e le truffe purtroppo, trovano terreno fertile e coinvolgono anche chi tra questi al contrario, è serio e professionale.
Mai affidarsi totalmente ai pareri che si leggono in Rete. Io preferisco approfondire su più canali le opinioni su un determinato servizio o come nel mio caso, BOT automatico di arbitraggio, per avere un quadro più completo della situazione. In questo caso, e tu lo sai, ho capito perfettamente che spesso le opinioni contrarie vengono dettate da interessi personali di chi le scrive, senza approfondire perfettamente l’argomento o la conoscenza dell’azienda della quale si sta scrivendo. Purtroppo così come ci sono persone che promuovono evidenti progetti “scam”, esistono anche persone che per interesse personale parlano male di un certo servizio e prodotto etichettandolo come “scam” senza aver fatto nessun tipo di controllo accurato a riguardo.
Diversificazione. Mai mettere i propri soldi, pochi o tanti che siano, su un solo canale perché se quest’ultimo dovesse saltare, sarebbe un disastro. Questo aspetto ad esempio, mi ha portato oggi a dare fiducia ad un’azienda spagnola che oltre a produrre un ottimo BOT di Arbitraggio Automatico di Criptovalute, propone anche al mercato BOT Automatici Forex e Commodities che operano in vario modo andando per questo a diluire il rischio su più canali.

Tutto quello che ci hai raccontato lo si può fare anche nel trading? Con il denaro normale, Dollari, Euro, Rubli…con l’oro? Oppure è una cosa che va bene solo con le crypto.

Certo! Come ho detto prima, l’azienda alla quale ho dato la mia personale fiducia e che spero possa essere ripagata, propone anche BOT Automatici per il Forex e il mercato delle Commodities. Detto questo, esistono ovviamente tanti altri BOT sul mercato con qualità e caratteristiche differenti. Mai dimenticare che il rischio zero NON esiste!

Non abbiamo mai nominato il nome del bot e non abbiamo mai detto di cosa si tratta perciò ora chi è curioso non sa che fare. Ma l’intenzione del podcast non è quella di far pubblicità ad una azienda e vendere qualche cosa, non è nemmeno quella di presentare un particolare modo di fare passive income (per il quale non ci sarebbe nulla di male) ma è quella di spalancare un orizzonte. Fornire una visione del futuro. Da qui a 10 anni le persone potranno fare i propri investimenti da soli? Questi Robot uniti alle crypto ci faranno saltare l’intermediario? Arriveremo alla democratizzazione della finanza?

Personalmente, vedo una figura diversa dell’intermediario o professionista del mondo finanziario. Una figura che dovrà cercare NON di competere con la tecnologia ma al contrario, diventarne parte integrante nel suo sviluppo che sono convinto, sarà sempre più qualitativamente importante.
Per quanto riguarda invece la “democratizzazione della finanza”, io lo vedo come assolutamente possibile anzi, auspicabile.
A me non piace questo potere “centralizzato” della finanza e dell’economia in genere, che decide quando e come vuole dei nostri destini andando ad esempio, a produrre moneta svalutando così i nostri risparmi e non solo.
Io sono favorevole alla decentralizzazione alla democratizzazione della finanza e non solo.

Siamo sul finale dell’episodio e io vorrei non lasciare a bocca asciutta quelli che vorrebbero capire meglio l’arbotraggio criptovalute. Immagino ci sia anche gente curiosa che non ha mai approcciato le cripto perciò si immagina tutto questo molto complicato. Dove possono chiederti informazioni e magari vedere il bot all’opera?

Prima di tutto a breve, sto organizzando un webinar informativo su quanto personalmente sto testando.
Sarà l’11 giugno 2020 alle 18.30. Se avete piacere di partecipare iscrivendovi qui.
Per coloro i quali leggeranno questa pagina dopo l’11 giugno 2020, allora potete lasciarmi un messaggio su Whastapp. Una volta passatol’evento lo caricherò su Youtube e vi passerò il link rispervato.

Aiutaci a far crescere il podcast!

Ti è piaciuta la puntata di oggi? Lascia la tua recensione su iTunes e iscriviti al podcast.

Se ascolti MERITA BUSINESS PODCAST su Stitcher o altre piattaforme puoi lasciare la tua recensione seguendo queste istruzioni. Grazie!

Fai conoscere MERITA BUSINESS PODCAST ai tuoi follower su Twitter!
Ti è piaciuta la puntata? Dillo su Twitter.

Note della puntata

Potete seguire contattare Ferdinando Vighi su Linkedin o via Whastapp.

Non perdetevi il webinar in cui Ferdinando farà vedere il bot di arbitraggio che permette di lavorare senza conferire le proprie crypto ad altri, per iscrivervi utilizzate questo form. Date e orari? Attenzione: il webinar si è appena concluso. Scarica il replay e guardalo quando sei comodo.

Durante il seminario viene citato un pdf con tutti i link utili citati durante l’intervento di Vighi. Se volte scaricarlo lo trovate qui: “Recap Link File – Arbitraggio Criptovalute“.

Commenti

1 commento a “Arbitraggio Criptovalute: Guadagno Certo e Rischi di questo Passive Income”

  1. Marco DP ha detto:

    Attenzione ai “Penta-milioni”.
    Penta non è un moltiplicatore.
    Semmai è “Peta”
    http://www.themeter.net/mu-so.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi Amici Non Sono la Tua Nicchia, evita di chiedergli Like, Commenti e Condivisioni.

I tuoi Amici Non Sono la Tua Nicchia, evita di chiedergli Like, Commenti e Condivisioni.

19 ottobre 2020
Come Diventare Personal Trainer e Avere Successo Online

Come Diventare Personal Trainer e Avere Successo Online

12 ottobre 2020
Finanziamenti alle Imprese: Come si Parla alle Banche

Finanziamenti alle Imprese: Come si Parla alle Banche

05 ottobre 2020