Instragram - Thomas Bandini

Instagram: come funziona e come usarlo per business

Scritto da Giorgio Minguzzi il 5 giugno 2016

Instagram è un social network che posso valutare per promuovere la mia attività?
Bisogna essere dei fotografi per avere successo con le foto su Instagram?
Instagram funziona solo per la promozione di prodotti oppure posso promuovere anche i miei servizi grazie alle fotografie?

Se anche tu ti poni le stesse domande, la puntata di oggi è fatta apposta per te. Parleremo infatti di come usare Instagram per far crescere il nostro business e lo faremo con un esperto di questo social: Thomas Bandini.

Ti è piaciuta la puntata? Dillo su Twitter.


Per chi non conoscesse Thomas Bandini, Thomas è un esperto di social media marketing che ha un’esperienza di 15 anni nel mondo del digital marketing. E con lui coglieremo l’occasione di commentare tutte le novità che nell’ultimo periodo hanno visto protagonista Instagram, uno dei social network più amati al mondo.

Instagram come funziona

Instagram ha rivisto logo e layout, e questo ha generato un grande rumore sul mercato. Leggevo che la community non ha gradito moltissimo questa iniziativa di Facebook, tu come la pensi?

Oggi la comunità di Instagram non è più composta da nostalgici della fotografia istantanea e dei filtri lomografici. Al contrario, è una comunità eterogenea, per lo più giovane (il 90% degli utenti ha meno di 35 anni), trasversalmente distribuita per sesso e provenienza geografica.

Una community che posta la media di 80 milioni di foto e video al giorno (e 400 milioni di utenti attivi twitter 320) e che usa abbondantemente le altre app dell’azienda, in particolare Layout e Boomerang.
World Map of Social Media

Una fotocamera iperrealistica non può più rappresentare una comunità di questo tipo: oggi gli instagramers non sono più interessati alla piattaforma come generatore di foto vintage, ma soprattutto come contenuto e veicolo di condivisione, racconto, vita personale. Sono una comunità nata e cresciuta con il flat design, che nell’arcobaleno di colori ritrova la sua eterogeneità. Ecco che quindi l’idea di rendere neutra l’interfaccia e minimal l’icona acquista un nuovo senso: lasciare spazio ai contenuti dell’utente.
Social Media
Non è più l’app in sé a fare la differenza: è quindi giusto che diventi flat, iconica, immateriale.

Perché un marketer dovrebbe pensare a Instagram per promuovere il suo business?

Thomas BandiniIl motivo principale per cui usarlo, è che è l’app/social col più alto tasso di engagement.

Un esempio ci è dato dal Salone del Mobile di quest’anno, dove sono stati postati quasi 49 mila contenuti a fronte dei circa 19 mila di Facebook (39,5 su Twitter).

Usarlo è molto semplice, oramai tutti – o quasi tutti – abbiamo preso familiarità con l’app che ha anche la gestionalità desktop, seppur più limitata. Da quest’anno tra l’altro è stato reso possibile il multiaccount, e cioè la gestione di 5 account differenti attraverso un solo login indifferenziato, quindi non importa con quale dei 5 account entrate, potete effettuare lo switch agevolmente attraverso il menu a tendina che vi comparirà nella vostra home page cliccando sul vostro nome utente nella barra in alto. Questo si rivela particolarmente utile per i Social Media Manager, che devono gestire gli account di più clienti.

Inoltre è possibile, sempre da qualche mese, effettuare campagne pubblicitarie a pagamento, tuttavia è un’opzione che non sta prendendo il piede desiderato, e in questo senso probabilmente l’errore è stato applicare le stesse dinamiche commerciali di Facebook su una micro-realtà completamente differente.

Sempre di un paio di mesi fa è la decisione di mettere in primo piano tra i suggerimenti dati nel feed gli utenti più potenti in termini di like, il che ovviamente va a discapito delle piccole realtà tutte da scoprire, che assieme alla possibilità di comprare like va a creare dei quadri non sempre genuini. Capita infatti spesso che vediamo utenti da 10.000 followers con una media di like a foto di 18, 19. Lì, come per Facebook, dovremmo drizzare le orecchie perché significa che c’è qualcosa che non va. Inoltre da qualche settimana si sta testando il pulsante Contatta per i profili Business (prima vi era solo la possibilità di inviare messaggi in direct), e l’inserimento a breve degli Insight come per Facebook, statistiche che saranno applicabili sia all’utente che al singolo post.

Instagram nuovo logo

A cosa serve Instagram e in cosa differisce da Pinterest?

Pinterest è finalizzato a condivisione e ricerca di materiale

Instagram verte più sulla condivisione e lo storytelling.

È un diario personale per immagini dove interagire con altri utenti e dove è possibile diventare Influencer: Instagram è infatti la piattaforma col più alto numero di Influencers.

Il concetto di Blogger stesso è cambiato con lei: un tempo vi erano piattaforme dedicate, spazi personali – blog per l’appunto, creabili su Splinder, WordPress – ed erano una sorta di diario digitale dove l’immagine era possibile, ma non centrale, al contrario del post di testo; con Instagram il Blogger è un produttore di immagini a tutto tondo, e se abbastanza bravo da creare intorno a sé sufficiente engagement, è in grado di suggerire ed influenzare gusti ed opinioni, e di essere conosciuti.

Inoltre, come detto prima, vi sono delle dinamiche business come le campagne ADV, la compravendita di Like, gli Insight e i profili Business, che mostrano come la piattaforma sia rivolta più all’utente che ai contenuti – contrariamente a Pinterest dove ciò che è centrale è la bacheca e ciò che contiene.
Instagram - Hashtag

Come definisci la strategia su Instagram per i tuoi clienti? Aiutaci a porci le domande giuste: da dove partiamo?

La prima domanda è: a chi ci rivolgiamo? In base al target si sceglie una strategia oraria e grafica adeguata, e una scelta degli # che possano raggiungere quel determinato tipo di pubblico.
Per vincere sui social, bisogna essere genuini.
Su Instagram questa regola vale ancora di più, perché ciò che viene messo sotto gli occhi di tutti è il tuo sguardo. Quindi non conta quanti followers hai, la considerazione dell’audience sarà calibrata interamente sui contenuti che scegli di condividere, la loro qualità e la tua personalità.

Sviluppare una buona relazione con i followers e interagire con loro è fondamentale. A questo si possono aggiungere poi delle strategie e dei piccoli accorgimenti: ad esempio vi sono stati studi che hanno individuato alcune costanti sulle immagini di successo:

  • hanno tutte una luminosità ottimale
  • vi sono preferenze per gli sfondi con spazi aperti
  • l’uso di un colore dominante
  • di un buon quantitativo di testo con emoticons.

Dovremmo concentrarci solo sulle foto oppure anche i video possono regalarci sorprese?

Nella Suite Instagram sono compresi Layout, Hyperlapse Boomerang. La prima app ci permette di prendere più scatti e fare una sorta di collage con le nostre foto inserendola in una, la seconda ci permette di creare dei mini video (eliminata la soglia dei 15secondi), particolarmente utile per i tutorial che sono diffusissimi per il DIY (Do it Yourself) e per le ricette di cucina (e il Food con il Fashion è uno dei due grossi campi tematici trattati da Instagram) e il terzo ci inserisce in un contesto molto gradito ultimamente, che è quello delle gif animate. Quindi l’immagine resta sempre al centro, ma viene dotata di dinamicità. Quindi sì, soprattutto per il food, i video possono rivelarsi un ottimo strumento per aumentare l’engagement.

Come si usano gli hashtag, ci insegni a gestirli meglio?

Instagram: come funziona l'account di MeritaBizSi inizia facendo una ricerca e uno studio dell’utente a cui vogliamo rivolgerci:

  • zona geografica
  • interessi
  • ambito di diffusione (esempio Centro Scarpa).

Ovviamente, la base è l#. Lanciato da Twitter, snobbato da Facebook, su Instagram l’hashtag è il riferimento fondamentale di ricerca. Se vuoi essere trovato, dovrai inserirti e catalogarti nei campi giusti. Se ne possono usare fino a 30 per immagine.

I più utilizzati sono:

  • #love
  • #instadaily
  • #instagood
  • #summer
  • #me
  • #instagramhub
  • #follow
  • #cute
  • #iphoneonly

Tutti sono inventati dagli utenti, ma solo alcuni riescono ad avere una vera potenza sul social, si pensi all’ #igers che sta per Instagramers: una parola diventato un # multiapplicabile e derivante da un’autodefinizione dell’utente, “Instagramer”, utilizzatore di Instagram.

Si tenga poi conto delle statistiche:

  • il 64% degli utenti Instagram è femminile
  • il 73% ha una fascia d’età che va dai 18 ai 35
  • ogni giorno vengono messi 2 miliardi e mezzo di like alle foto
  • il 70% degli utenti sono fuori dagli Stati Uniti.

Provenienza, fascia d’eta e genere possono rivelarsi assai utili per la ricerca di # attraverso il profilo utente.

Come posso far crescere i miei follower senza comprarli?

Qui ci si ricollega all’importanza di essere genuini e del saper dare la giusta attenzione al proprio pubblico. Come in ogni cosa, ci vuole costanza, e linterazione diventa fondamentale.

Quali sono gli strumenti che usi per lavorare sulle immagini da caricare su Instagram?

Foto scattate direttamente da iPhone o Photoshop.

Quali sono gli strumenti che uso per monitorare le performance e quali sono i parametri più importanti da tenere sotto controllo?

Gli strumenti che uso si dividono fra quelli gratuiti e quelli a pagamento:

  • Fan page Karma -> permette il monitoraggio e l’andamento del profilo, dai follower all’engagement, i post migliori e i peggiori e le fasce orarie più ottimali per postare;
  • Iconosquare -> Che offre tutte le statistiche sui tuoi account Instagram (e anche su quelli della concorrenza!)
  • Rivaliq -> Per studiare i tuoi competitor
  • Grum -> permette di gestire diversi account e di programmare i post, con prezzo variabile in base agli account che si desidera gestire.
  • Hootsuite -> il più famoso tool di social media management

Aiutaci a far crescere il podcast!

Ti è piaciuta la puntata di oggi? Lascia la tua recensione su iTunes e iscriviti al podcast.

Se ascolti MERITA BUSINESS PODCAST su Stitcher o altre piattaforme puoi lasciare la tua recensione seguendo queste istruzioni. Grazie!

Fai conoscere MERITA BUSINESS PODCAST ai tuoi follower su Twitter!
Condividi il podcast

Note della puntata

Se vuoi saperne di più su Thomas Bandini, puoi iniziare dal suo sito.
Ovviamente Thomas è su Instagram, seguilo anche lì.
I tool citati da Thomas durante la puntata sono:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le difficoltà dei content marketer che non ti aspetti

Le difficoltà dei content marketer che non ti aspetti

05 dicembre 2016
Over App: Visual Content che fa la differenza

Over App: Visual Content che fa la differenza

01 dicembre 2016
Industry 4.0: i robot ci ruberanno il lavoro?

Industry 4.0: i robot ci ruberanno il lavoro?

28 novembre 2016