Come Compilare Google My Business

Google My Business: lo strumento per gestire la tua azienda su Google

Scritto da Giorgio Minguzzi il 7 febbraio 2016

Che cos’è Google My Business? Potrebbe essere interessante per la tua impresa?

Se hai piacere che un numero sempre maggiore di clienti raggiunga la tua attività, questa è la puntata giusta per te.
L’ospite di oggi è Elena Osti, che ci aiuterà a capire come sfruttare Google My Business per aumentare il fatturato e migliorare il nostro rapporto di fiducia con i clienti.

Ti è piaciuta la puntata? Dillo su Twitter.

Per chi ancora non dovesse conoscere Elena Osti, Elena è una specialista in visibilità online, sia organica, parliamo quindi di Search Engine Optimization classica, sia a pagamento, quindi Adwords & Co.
Elena Osti - Google My Business

Elena, cos’è Google My Business?

Google My Business, fa parte di Google+, è il nuovo strumento di google per le aziende che ha fuso assieme Google Place e Google Maps, in modo da avere un’unica dashboard per poter gestire entrambe le presenze.

Cosa succede a chi aveva una pagina Google+ Business? O una pagina Google+ Local?

La pagina Google+ Business (mi riferisco alla pagina Brand), non è mutata, perché quel tipo di pagine non sono state cambiate, rimangono ed un’azienda che ha una sede fisica può avere entrambe senza che Google le confonda.
Gli utenti che avevano una scheda Google Local o Place, semplicemente le hanno viste state convertite in Google My Business. Questo ha così permesso loro di avere nuove potenzialità.
Una funzionalità che hanno aggiunto molto interessante è la possibilità di gestire la propria pagina Google My Business attraverso un’app del proprio cellulare, questa la ritengo un aspetto molto interessante soprattutto per quelle attività dove non è così facile stare davanti il pc a controllare la propria reputazione online. Penso ad attività come un ristorante, dove probabilmente non hanno una persona che gestisce la loro reputazione tutto il giorno davanti al pc, ma avendo un tablet con questa app possono gestire la loro pagina senza troppe limitazioni.

Google My Business

È un’opportunità solo per i negozi e le piccole realtà commerciali o è utile anche per e grandi imprese?

Elena OstiÈ utile per qualsiasi azienda che abbia una sede fisica che voglia essere raggiunta fisicamente dalle persone, perché Google My Business è integrato con la mappe di Google. Questo permette di poter controllare/gestire con un unico pannello, e di conseguenza con un unico accesso, sia la posizione della propria azienda all’interno di Google, sia all’interno delle mappe.
Le Mappe di Google, grazie ai cellulari di ultima generazione diventano sempre più importanti perché tantissime persone le usano anche in auto come navigatori.
Per non parlare di un futuro, secondo me non tanto lontano, dove le mappe di google saranno direttamente integrate nelle auto, poiché hanno intenzione di inserire gli stessi sistemi operativi anche sulle automobili di ultima generazione.
In questo momento c’é un progetto che si chiama Android Auto, dove tutte le marche che fanno parte dall’Open Automotive Alliance hanno accettato di creare un sistema che integri Android all’interno delle vetture.

Per esempio la Kia Soul ha già questo sistema a bordo, praticamente rende il monitor del tuo navigatore un secondo schermo del cellulare una specie di chromecast per auto, che permette di usare alcune applicazioni dal cruscotto: musica e navigatore direttamente dall’auto.
Mentre le automobili di fascia alta, direi per grandi viaggiatori, hanno tutte almeno un modello che permette di avere questo sistema.
La Fiat ha deciso di integrarlo nel 2016.

E per chi è una grande azienda, e magari ha una catena di negozi locali?

Local SearchGoogle my business ha 2 modi diversi per gestire le aziende con più sedi, se hai meno di 10 sedi devi creare una pagina Google+ Business più singole pagine local per ogni sede, mentre se hai più di 10 sedi, ti permette di creare una pagina Google+ Business in grado di gestire tutte le sedi attraverso un unico profilo.

Quanto contano le immagini nella promozione della mia attività attraverso Google My Business? Hai qualche consiglio per come sceglierle?

Le immagini devono essere belle, a questo proposito Google fornisce un elenco di fotografi autorizzati a fare le foto ottimizzate per questo tipo di pagine.
Io consiglio di scegliere foto che aiutano a trasmettere l’atmosfera del locale/attività, se si parla di un bar, se invece parliamo di un ristorante, busogna far vedere qualche pietanza accompagnata da uno dei vini che si servono, facendo ben capire il posizionamento sulla qualità delle materie prime impiegate.
Se parliamo invece di un centro olistico che fa massaggi, è necessario fare foto dove viene mostrato l’ambiente, un tour virtuale è bello perché lo posso navigare in questo modo.

In quest’ottica, ci racconti qualche cosa dell’opportunità che regalano le foto a 360Gradi?

Local SEOIo intendo foto ottimizzate, quelle foto che ti permettono di compiere quasi un tour virtuale all’interno del locale.
Questo tipo di foto sono molto simili a quelle fornite dal servizio streetview di Google, per cui si integrano molto bene all’interno dell’ecosistema Google: gli utenti sono in genere già abituati a usarle e apprezzarle.
L’altra opportunità di queste foto è legata al motto iniziale di google “don’t be evil”, immaginiamo quanti di noi hanno visto delle foto suggestive e poi andando sul posto abbiamo ricevuto delle brutte sorprese! Con le foto a 360° rappresentiamo l’attività in modo trasparente, completo e affascinante. Questo ci permette di offrire la massima trasparenza alla persona che visita la nostra pagina, e siccome uno degli obiettivi di essere su internet e usare queste piattaforme è creare un rapporto di fiducia con la nostra audience di persone interessate, queste foto ci permettono di raggiungere l’obiettivo.

Quali sono le statistiche che Google mette a disposizione e come possono migliorare il mio business grazie a queste?

Le statistiche che vengono messe a disposizione sono tutte relative a tracciare quello che l’utente fa all’interno di tutte le presenze gestite da Google My Business.
Google traccia tutti i click ma li mostra suddivisi, se questo sono indirizzati verso la mappa, per avere indicazioni stradali oppure se c’è stato qualche click al numero di telefono per effettuare direttamente una telefonata all’azienda.
Queste metriche sono interessanti perché molte persone che cliccano per avere indicazioni stradali ma se non abbiamo un riscontro con il numero delle persone che sono venute effettivamente in azienda, questo potrebbe indicare la presenza di un problema. Forse manca un cartello fisico fuori dall’attività che ne segnali la presenza, forse non è segnalato adeguatamente il parcheggio.
Altre statistiche presenti sono quelle relative agli accessi portati al sito attraverso la pagina Google+, poi ci sono quelle di ogni social network, i follower, le visualizzazioni dei post, anche se questo è un conto approssimativo che la piattaforma cerca di fare.

Aiutaci a far crescere il podcast!

Ti è piaciuta la puntata di oggi? Lascia la tua recensione su iTunes e iscriviti al podcast.

Se ascolti MERITA BUSINESS PODCAST su Stitcher o altre piattaforme puoi lasciare la tua recensione seguendo queste istruzioni. Grazie!

Fai conoscere MERITA BUSINESS PODCAST ai tuoi follower su Twitter!
Condividi il podcast

Note della puntata

Alcuni esempi di virtual tour 360°:

Puoi contattare Elena Osti attraverso il suo sito web: ElenaOsti.it
Elena è anche attiva sui social, specialmente su Twitter con l’account @ingy600 e su LinkedIn.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Over App: Visual Content che fa la differenza

Over App: Visual Content che fa la differenza

01 dicembre 2016
Industry 4.0: i robot ci ruberanno il lavoro?

Industry 4.0: i robot ci ruberanno il lavoro?

28 novembre 2016
Word Swag: l'app per rendere ogni testo più bello e ogni citazione indimenticabile

Word Swag: l'app per rendere ogni testo più bello e ogni citazione indimenticabile

24 novembre 2016